“La collezionista di libri proibiti”: niente è impossibile, basta crederci

“La collezionista di libri proibiti”: niente è impossibile, basta crederci

Oggi vorrei parlarvi di La collezionista di libri proibiti, romanzo pubblicato dalla Newton Compton della scrittrice venosina Cinzia Giorgio, autrice di saggi scientifici e romanzi come Storia pettegola d’Italia e la recente pubblicazione La piccola libreria di Venezia.

La collezionista di libri proibiti è un romanzo che colpisce non solo per la trama generale, ma soprattutto per i temi affrontati in cui potersi facilmente immedesimare.

Ci troviamo a Venezia, nel 1975. La protagonista è Olimpia Cattanei, una ragazzina di 15 anni con una grande passione: i libri antichi.

Olimpia, per gioco del destino, finisce nella bottega d’antiquariato di Anselmo Cavani che cogliendo subito il suo interesse e la sua intelligenza la assume per lavorare nel suo negozio e per aiutarla a sviluppare questa sua passione. Qui tra libri antichi e pezzi d’antiquariato conosce Davide, il nipote di Anselmo, di cui si innamora perdutamente e da cui presto viene ricambiata. Un amore che per forza di cose risulta impossibile.

Grazie ad Anselmo però Olimpia apprende molte informazioni sull’Indice dei libri proibiti dalla Chiesa. In particolar modo si appassiona alle lettere di Veronica Franco, una cortigiana e poetessa veneziana del 500, che scrive all’uomo della sua vita Marco Venier.

Nella vita di Olimpia c’è un’altra presenza molto importante, quella della sua amica Peggie, una collezionista d’arte, con la quale condivide questa sua passione e con cui instaura un legame così profondo da tenerle legate anche dopo la morte di quest’ultima.

Olimpia, per lasciarsi alle spalle l’amore impossibile e la dolorosa perdita di Peggie, decide di inseguire il suo sogno e partire per andare a studiare a Cambridge. Lì si perfeziona, diventando un’abile donna d’affari e ritrovandosi presto in una famosa casa d’aste di Parigi.

Dopo circa vent’anni vissuti lontano Olimpia e Davide si ritrovano e torna per loro l’amore di un tempo che non era mai passato. Ma riusciranno davvero a vivere la loro storia d’amore?

Perché leggere La collezionista di libri proibiti? Perché non è solo un romanzo d’amore, ma anche un romanzo d’amicizia, di misteri, della forza e del coraggio di una donna pronta a sacrificare tutto per realizzare il suo sogno più grande.

Questo libro spinge il lettore a sognare, a desiderare di più dalla propria vita, contro le avversità. Niente è impossibile, nemmeno quando una passione può risultare all’apparenza banale. Olimpia ci dimostra che spesso tocca a noi per prima crederci per rendere possibile l’impossibile.

Il segreto per ottenere risultati grandiosi è credere in ciò che si ama, vivendo ogni giorno senza porsi limiti inutili.

Cinzia Giorgio con il suo romanzo ci permette di camminare tra le strade di Venezia e successivamente di Parigi, di vedere come l’amicizia e l’amore possano andare oltre ogni cosa, anche oltre la morte.

Pagina dopo pagina si viene trascinati all’interno del libro, vivendo ogni emozione al passo dei personaggi, fino al finale totalmente inaspettato che ti fa desiderare di ricominciare da capo dopo aver chiuso il libro all’ultima pagina.

Aurora Crisafulli

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook