Angela Grazia Arcuri
Angela Grazia Arcuri

Biografia

Nata a Roma quando ancora non esisteva in Italia l’universo web, conta un’attività giornalistica di lungo corso. Muove i primi passi presso l’ufficio stampa di una Confederazione di categoria, ma sua vera vocazione è la critica di costume. Da un’iniziale pubblicazione sul foglio satirico romano “Il Travaso delle Idee” e un primo premio letterario da “Il Pungolo” di Napoli, comincia a collaborare con alcuni quotidiani e periodici del centro-sud. Segnalata come giovane emergente al Premio Giornalistico Fiuggi, segue l’iscrizione all’Unione Stampa Turistica Italiana, specializzandosi in turismo, moda, arte e costume. Si iscrive all’Albo Giornalisti Pubblicisti. Consegue il terzo premio giornalistico INAIL. Nel contempo, si dedica alla novellistica con pubblicazioni su “Grazia” e “Donna Moderna” ed altri settimanali femminili milanesi e romani. Nel 2009 inizia l’avventura del web con 2duerighe, allora vivo il fondatore Leonardo Echeoni, fino alla nuova direzione con pezzi di satira politica e attualità varia nella rubrica “Sparolando – opinioni, costume e società”. Ama i giovani e scrive per i giovani, dai quali impara il “nuovo” ed ai quali dispensa qualche pillola di saggezza di una persona che non è mai stata saggia.

Articoli

Le aberranti tragedie sociali nei “due cervelli” di Rita-Levi Montalcini

Possiamo chiudere ogni frontiera  terracquea, possiamo mettere sotto chiavistello  ogni oggetto materiale, ma se c’è una cosa impossibile da arrestare con un lock-down quella è il pensiero. A questo riflettevamo quando, allo scopo di alleviare le nostre preoccupazioni del periodo, ci viene rivolta  la classica frase “non ci pensare”.  Ebbene, sorge spontaneo rispondere alle affettuose   esortazioni dei nostri amici…
Commenti

Diktat pubblicitari Covid: donna in vendita al “punto G”

Travolti e stravolti da un certo tipo di pubblicità, ebbene,  siamo arrivati sull’orlo della schizofrenia collettiva da Covid.  Pare che l’economia sulla via del collasso non verrà recuperata né  dal  Mes, né  dall’infinita teoria  dei d.p.c.m., né dai vari miliardi stanziati dalla nuova manovra economica, ma da una certa liberalizzazione  pubblicitaria inedita e a dir poco disgustante. Sia chiaro  che…
Commenti

Till Eulenspieghel: un eroe trasgressivo in un libro del secolo scorso

L’inedito periodo di lavoro domiciliare, che forzatamente ci ha indotto a sistemare la babele esistente in anni di accumulo degli oggetti più eterogenei, ci ha dato modo di ritrovare un libro assai caro alle nostre memorie infantili. È un libro ormai un po’ ingiallito, ma intatto, che nella invogliante rilettura ci regala emozioni nuove, nonché nuove riflessioni sulle analogie delle…
Commenti

Fase 3: avanti tutta per un’Italia stanca di avere paura

“Quello”, l’inquilino della scala C interno 19, “iddu”, per citare gli amici siciliani allorché rivolgono lo sguardo all’Etna fumante, resta accovacciato fuori della porta in bieca attesa che qualcuno dichiari la sua sconfitta. Intanto, qualcuno se n’esce asserendo la sua inesistenza con mirabolanti argomentazioni, costretto un attimo dopo a ritrattarsi per il vespaio suscitato sui media. Impelagati così in una…
Commenti

Mondo senza tempo: e se Einstein fosse vissuto ai tempi del coronavirus?

Il tempo e il pensiero sono quei concetti universali che sembrano camminare sulla stessa rima. Appare, infatti, chiaro come entrambi non incontrino limiti, né ostacoli, né barriere di sorta. Mentre il tempo è una dimensione, vuoi o non vuoi illusoria, insita nella sfera dell’eternità cosmica, il pensiero nasce con la comparsa dell’uomo sulla terra e quel flusso della mente umana…
Commenti