Green Italy: Perché ce la possiamo fare a battere la crisi

Si può battere la crisi? Forse si. È questa la convinzione di Ermete Realacci, presidente onorario di Legambiente e responsabile della Green Economy del Pd, che con il suo libro Green Italy, edito da Chiarelettere, lancia un messaggio non solo di speranza, ma anche di cambiamento e di forza di volontà in un periodo buio per tutta l’economia mondiale.
Ivan Lo Bello, presidente Confindustria Sicilia, nella sua prefazione afferma:

“La sfida è costruire una nuova egemonia culturale che sappia coniugare tradizione, saperi, innovazione, sostenibilità, regole, senso dello Stato e dell’etica pubblica.”

È innegabile, ammette Realacci, che i tempi siano difficili. In soli 10 anni gli equilibri economici mondiali sono tumultuosamente cambiati, quelli che un tempo giudicavamo “paesi emergenti” oggi guidano l’economia mondiale, mentre l’Occidente si trova a fronteggiare una crisi economica aggravata dalle speculazioni della finanza e dalle sempre più incolmabili disuguaglianze sociali.
Uno scenario davvero sconcertante, pieno di incognite e di paure, ma di fronte al quale, ancora una volta, siamo messi di fronte alla necessità di rimboccarci le maniche. Ce la possiamo fare, lo dice chiaramente Realacci e come lui tanti altri convinti che, se sapremo andare al di la dei freddi numeri, dei calcoli delle società di rating, guardandoci attorno e riscoprendo il nostro territorio, riusciremo a uscire indenni da questo disastro economico.
Non solo, è lo stesso autore a fornirci una soluzione pratica, che vada al di la delle speculazioni mentali e punti dritta alla realtà. Questa soluzione di chiama Green Economy. La riconversione ecologica della nostra economia, dei consumi e degli stili di vita e la valorizzazione del nostro paese. Un economia sostenibile e avanzata, aperta ai mercati globali, ma in grado, al tempo stesso, di rinsaldare il legame con il territorio. È questa la medicina contro la crisi, un “vaccino” già sperimentato e utilizzato in diverse parti d’Italia.
Un viaggio attraverso il nostro paese, compiuto dall’autore, che ci guida tenendoci per mano, attraverso le esperienze, le speranze e le scommesse di un’Italia che ha scelto di vivere Green scommettendo ancora una volta sul nostro territorio e sulle nostre radici. Questa crisi, infatti, potrà non solo essere sconfitta, ma anche aiutarci, se saremo in grado di scegliere le soluzioni migliori, ma soprattutto di cambiare quello che è il nostro modo di vedere l’economia stessa.
Non più il Prodotto Interno Lordo o i punteggi delle agenzie di rating, ma nuovi strumenti che siano in grado di leggere l’economia e lo sviluppo delle nazioni. Indicatori che misurino la salute delle famiglie, la qualità dell’educazione, la salubrità delle fabbrica, la bellezza e l’equità. Piccoli miracoli che con fatica e orgoglio si stanno compiendo in tutta Italia, imprenditori coraggiosi, che hanno scelto di cambiare, di scommettere sul futuro.Uomini e donne che, secondo Realacci, possono fungere da esempio per tutti noi, per non avere più paura della crisi, per sperare ancora nell’avvenire, ma soprattutto per scegliere Green.

Info:
Edizioni Chiarelettere – pp. 336 –  € 15,00
Il libro è disponibile in formato cartaceo ed ebook  €. 10,99

Valentina Vanzini

5 marzo 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook