Radiocronaca di una crisi : come spiegare la crisi agli italiani

Radiocronaca di una crisi : come spiegare la crisi agli italiani

Radiocronaca-di-una-crisiNel Libro del direttore di Radio Uno Antonio Preziosi, presentato all’Università Cattolica si dice quanto sia fondamentale che i giornalisti abbiano un ruolo determinante nell’aiutare i cittadini a capire quello che sta succedendo, perchè informazione e crisi sono due concetti che, purtroppo, quasi mai si presentano insieme.
Secondo l’autore del libro i giornalisti rischiano di “dimenticare” quali siano e reali necessità dei cittadini nei periodi di maggiore criticità per la politica o l’economia, trascurando così il compito più importante come servizio pubblico
Sono queste e premesse che danno vita a Radiocronaca di una crisi, il volume edito da Rai Eri e scritto da Antonio Preziosi, direttore di Radio Uno e del Giornale Radio Rai, con premessa di Antonio Catricalà e la prefazione di Alberto Quadrio Curzio.
La riflessione di Antonio Preziosi nasce dalla chiara consapevolezza che il giornalismo ha innanzitutto un ruolo educativo per informare in modo completo e trasparente. Per questo il direttore sottolinea in maniera incisiva quale deve essere il ruolo cruciale dell’informazione nella spiegazione della crisi: «L’informazione, in questi frangenti, si trasforma in una cassetta degli attrezzi a disposizione dei cittadini per scardinare la crisi stessa, per conoscerla e affrontarla nel migliore dei modi. Tenendola nascosta, evitando di parlarne, infatti, si dà solo l’impressione apparente che non esista, facendola diventare molto più pericolosa e devastante».
Per evitare ciò è fondamentale il rispetto che i giornalisti devono avere nei confronti di quello che Preziosi definisce il cittadino/editore. Idea secondo cui tutti i giornalisti, in special modo coloro che esercitano questa professione nel servizio pubblico, debbano rispondere del proprio operato ai cittadini, che hanno il diritto di essere informati.

Sebastiano Di Mauro
27 maggio 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook