Sapienza by night, due biblioteche aperte h24

Sapienza by night, due biblioteche aperte h24

 Sapienza Università di RomaROMA – Chi non ha mai trascorso almeno una notte insonne, sopra i libri, per preparare un esame universitario imminente? Da Pasqua sarà possibile farlo anche all’interno della Sapienza, perché la prestigiosa università sembra si sia decisa ad andare incontro a tutti gli “studenti notturni” mettendo a loro disposizione alcune biblioteche anche nelle ore più scure.

Da aprile, infatti, due sale lettura dell’ateneo capitolino saranno aperte h24: si tratta della biblioteca di Scienze della Terra e della biblioteca di Scienze giuridiche-sezione di Diritto privato. Entrambe insieme contano 106 posti, rispettivamente 70 nella prima e 36 nella seconda. Sarà possibile accedervi dalle 19,30 alle 8 di mattina grazie ad una tessera magnetica che apre i varchi posti all’ingresso delle sale e il varco pedonale di accesso alla città universitaria di piazzale Aldo Moro. A scriverlo è proprio La Sapienza che, con una nota sul suo sito ufficiale, ha ricordato agli utenti la presenza nelle sale di un circuito di videosorveglianza collegato al sistema di sicurezza e di vigilanza notturno dell’Ateneo.

 biblio_treNel periodo iniziale, e quindi in quella che sarà la prima fase di sperimentazione di questo servizio, saranno erogate soltanto duemila tessere, dando priorità agli studenti già iscritti ai servizi delle due biblioteche e, successivamente, agli studenti di tutte le altre facoltà.
Gli studenti che pensano di essere interessati a questa nuova opportunità possono già richiedere la tessera d’ingresso compilando il corrispondente forum online – aperto nella giornata di ieri 12 marzo – e che è possibile trovare sia sul sito d’Ateneo sia sui social network.

«Se l’esperimento avrà riscontro positivo da parte degli studenti proseguiremo con altre sedi, come Architettura a Valle Giulia e Ingegneria a San Pietro in Vincoli» – ha affermato il rettore Eugenio Gaudio, mostratosi già molto fiducioso a riguardo.

Marica Valentini
13 marzo 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook