Roma, panico sulla Tuscolana: uomo carica la pistola in un bar

Che a Roma si stia progressivamente perdendo il senso della legalità non è una novità viste le oltre 40 uccisioni per arma da fuoco avvenute nel corso degli ultimi 12 mesi per rapine, regolamenti di conti o liti, ma ciò che è successo questa mattina in un bar di via Tuscolana ha dello sconcertante.

Ci troviamo nei pressi della fermata della metro A Porta Furba (zona Quadraro) alle ore 12:30 come ogni mattina un uomo entra a bere alcolici in un bar li vicino. Dopo poco comincia, sotto effetto di alcol e forse non solo, a inveire contro la religione e gli stranieri e poco dopo tira fuori una pistola e comincia a caricarla.

Il barista ha poi affermato: “Ero terrorizzato ma ho cercato di mantenere la calma, quell’uomo viene spesso al bar, ma questa mattina era strano, era molto agitato e quando ho sentito il rumore della pistola, sono stato assalito dal panico. Ho cercato di parlargli, di tranquillizzarlo ma era agitatissimo, non so cosa gli sia successo, so solo che ha seminato il panico, tutti hanno pensato a una rapina, ma non sono stato minacciato, c’era solo quell’arma, quella pistola, chissà cosa sarebbe potuto succedere, non so che tipo di arma fosse, non me ne intendo, ma il rumore del caricatore l’ho sentito, su questo non ho dubbi”.

Il barista ha poi portato fuori dal locale lo squilibrato e con l’aiuto di altri negozianti è riuscito ad avvertire la polizia che poco dopo è arrivata e lo ha portato via.

Tragedia sfiorata quindi, basta pensare che proprio in quel momento stavano passando per quella via i bambini della scuola materna ed elementare Figlie della Divina Provvidenza, che ignari del pericolo sono passati li vicino con le loro mamme.

Un testimone dichiarerà poi: “Ho visto di spalle quell’uomo spuntava una pistola dal giaccone, è stato tremendo, fortunatamente è stato fermato”.
 
Storie di ordinaria follia in una capitale al collasso…

Enrico Ferdinandi

24 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook