Roma: getta il figlio nel Tevere dopo un litigio con la moglie

Un litigio fra marito e moglie è finito in tragedia. Ci troviamo a Roma, nei pressi del Tevere all’altezza di Ponte Mazzini e sono le 6:20 del mattino quando i carabinieri ricevono la chiamata di una donna, si tratta della zia della moglie di Patrizio Franceschelli, di 26 anni, già noto alle forze dell’ordine.

Questa mattina l’uomo dopo una lite molto accesa con la moglie, avvenuta nel loro appartamento sito in via degli Orti d’Alibert si è allontanato con il figlio di appena due anni, in preda ad una furia omicida ha lanciato suo figlio nel Tevere dal Ponte Mazzini. A confermalo un testimone (un agente di polizia penitenziaria) che ha rilasciato una dichiarazione ufficiale ai Carabinieri.
L’Uomo è stato arrestato poche ore dopo nei pressi del quartiere Testaccio ed ora si trova in stato di fermo nella caserma dei carabinieri del nucleo radiomobile.
In queste ore i sommozzatori stanno lavorando per cercare di ritrovare il bambino ma le condizioni meteo avverse rendono i lavori di ricerca ancora più difficili.

E.F.

4 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook