ROMA: Santori e Corsi contro i “buoni libro” che non arrivano mai

ROMA: Santori e Corsi contro i “buoni libro” che non arrivano mai

buoni-libriRoma continua a causare amarezza nei suoi cittadini, persino in quelle piccolezze che possono fare la differenza nel mantenimento di un minimo, seppur precario, equilibrio.

Si parla di economia familiare, di spese imminenti e di teorici “buoni libro” per agevolare l’istruzione. Il problema riguardo ad essi è proprio il loro rimanere astratti, trasformandosi in una delle tante promesse che sembra sfuggire sotto il naso dei genitori interessati.

“Chiedere un contributo per l’educazione dei propri figli non può di certo diventare una corsa ad ostacoli”, così affermano il consigliere regionale del Lazio Fabrizio Santori e Emiliano Corsi del Comitato DifendiAMO ROMA. Esprimendo il loro rammarico e la loro amarezza, i due si pongono apertamente contro il sindaco Marino da cui la situazione è gestita in un modo definito “tragicomico”.

Molti dei genitori interessati a fare richiesta dei buoni per i loro figli sono infatti ancora in attesa di una semplice password d’accesso al portale di Roma Capitale, unica strada attraverso cui si può compilare la domanda. La scadenza prevista per l’invio delle richieste è il 15 ottobre, ma gli utenti sono bloccati dal 10 settembre e procedere è dunque impossibile.

Santori e Corsi proseguono nell’affermare che “ancora una volta Roma Capitale dimostra la propria inefficienza e incapacità di stare vicino alle esigenze dei cittadini” specificando che si danneggiano sempre di più i meno abbienti e più bisognosi di simili agevolazioni.

Nuovamente le accuse si canalizzano verso Marino, in attesa di una risposta da parte del Sindaco che non giunga sotto forma di parole bensì di fatti.

Francesca Aliperta
o1 ottobre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook