Arti sonore e visive negli ultimi giorni di “Estate Romana”

Arti sonore e visive negli ultimi giorni di “Estate Romana”

Al via le rassegne 90db-Festival internazionale delle arti sonore, Live Cinema Festival, Biennale MArte Live, If/Invasioni (dal) futuro, Teatri di vetro, Ossigeno e Paesaggio con spettatore.

Estate-Romana-2014Un laboratorio di nuovi linguaggi, un centro dove poter sperimentare e riflettere la contemporaneità artistica. Tantissime sono le novità dell’ultimo scampolo d’ “Estate Romana” che, negli ultimi giorni di programmazione, cambia volto per trasformarsi in un laboratorio di nuovi linguaggi. Al via nuove rassegne che riguarderanno tutti i settori, dalla musica alla video arte, dal teatro alla performance live.

Si è partiti l’11 settembre con il “90db-Festival internazionale delle arti sonore”. Giunta alla seconda edizione, la rassegna ha l’ambizioso obiettivo di diffondere in Italia il verbo della ‘sperimentazione sonora’, ancora poco noto in Italia rispetto a quanto lo sia all’estero. Fino al 14 settembre, il Complesso dell’ex cartiera latina del Parco dell’Appia antica ospiterà le opere di artisti che indagano sull’interazione tra suono e ambiente. Si potranno ammirare le installazioni di arte sonora e digital art, moltissime in anteprima nazionale: dalla micro-orchestra di strumenti autocostruiti da Tim Murray-Browne and the Music Hackspace Ensemble (Regno Unito), al piano ‘sonoro’ di Kathy Hinde (Regno Unito), dagli effetti aleatori delle opere di Valerio de Bonis & Giulio Colangelo (Italia) ed Edgardo Rudnitzky (Argentina) al reticolo di speaker e diffusori di Jeremy Keenan (Stati Uniti), sino ai video di Memo Akten (Turchia) e al percorso auditivo dell’istallazione di David Hochgatterer (Austria). Naturalmente non poteva mancare la musica. Ogni giorno due concerti dal vivo di artisti internazionali, introdotti da artisti romani – Franz Rosati, Circuiterie, Heroin in Tahiti – nei giorni 12, 13 e 14 settembre. Completano il programma i laboratori per bambini “Oggetti sonori”, per costruire strumenti musicali partendo da materiali di riciclo e “Isole d’acqua”, sul legame tra suono e acqua, e quello dedicato alle nuove tecnologie applicate all’arte.

A fare il paio con “90db” è “Artescienza”, una rassegna già in corso che termina nei giorni 17 e 18 settembre all’Accademia nazionale di danza. Musica e spazio si fondono in questo caso grazie alla danza, che innesca un dialogo tra corpi e suoni immateriali. In programma anche due spettacoli in prima esecuzione assoluta: “Power game” di Michelangelo Lupone e Ricky Bonavita il 17 settembre e la rappresentazione ideata da quattro giovani compositori del conservatorio di Santa Cecilia e quattro giovani coreografi dell’Accademia nazionale di danza giovedì 18 settembre. Qualche giorno dopo, precisamente il 26, torna un’altra manifestazione dell’Estate romana che ha fatto della multidisciplinarietà il suo punto di forza. Si tratta di “Siderare”, la kermesse organizzata dalla fondazione Volume! che si è riappropriata grazie all’arte del Forte Portuense costruendoci un percorso ispirato alle atmosfere del film “Stalker” di Tarkovskij. Venerdì 26 settembre è in programma un incontro con gli animatori della rassegna e una conferenza sul rapporto fra beni architettonici e arte contemporanea.

Scaldatevi-Estate Romana-cinemaAssoluta novità di questa edizione dell’Estate romana è “Live Cinema Festival” che si svolge dal 17 al 20 settembre nel Teatro Quarticciolo. Otto artisti provenienti da Italia, Germania, Inghilterra, Olanda, Polonia e Bielorussia, emergenti o già noti agli appassionati del genere, daranno vita a performance dal vivo in cui si fondono – come nel cinema tradizionale – immagini e colonna sonora. Il live cinema è una tecnica narrativa sperimentale fatta di linguaggi sia nuovi che tradizionali, ma permeati di altri significati.

Fino al 14 settembre è possibile ammirare la mostra “Stars. Sguardi sonori”. Nelle sale del Museo Pietro Canonica convergono visualart, videoarte, installazioni sonore e live performances. In esposizione 50 opere dedicate da Carlo Fatigoni agli artisti coinvolti nelle scorse edizioni di ‘Sguardi sonori’ e le opere audiovisive di circa 80 artisti italiani e stranieri che compongono due installazioni per la sezione ‘ritratto sonoro’. Inoltre ci saranno altre installazioni create dall’associazione FaticArt e dagli artisti Piero Mottola e Florindo Rilli.

Arte e parola si sposano sul palcoscenico di due rassegne. Il 12 settembre prende il via “Paesaggio con spettatore”: sei opere della Galleria nazionale d’arte moderna, da Schifano a Burri a Van Gogh, prendono vita nelle performance di altrettanti artisti e compagnie teatrali. Per quattro giorni invece – dal 18 al 21 settembre – l’Auditorium di Mecenate si trasforma in un luogo visionario grazie alle pagine di autori cult della fantascienza, da Philip K. Dick a Ray Bradbury. Passato e futuro sono le due anime di “If/Invasioni (dal) futuro” che vedrà fra i protagonisti artisti e performer come Elio De Capitani, oltre allo stesso auditorium illuminato da immagini e videoproiezioni.

Circa 900 artisti, esponenti di tutte le discipline e divisi in sedici sezioni artistiche, animeranno la nuova edizione della “Biennale MArteLive”. I numeri sono imponenti, come di consueto: circa 250 spettacoli tra concerti, performance, rappresentazioni teatrali, danza, proiezioni, installazioni, reading, street art e dj set nelle periferie, videomapping e altro. Il 20 settembre ci sarà un’anteprima all’Atlantico Live con il concerto dei ‘Crystal Fighters’, nella loro unica data italiana. Il centro nevralgico di tutta la manifestazione sarà lo spazio dell’ex Mattatoio di Testaccio, sede dell’evento principale con il format multidisciplinare tipico del festival e che dal 23 al 25 ospiterà le finali nazionali del contest MArteLive. La chiusura della kermesse è prevista per il 28 settembre, dopo sei giorni di appuntamenti.

La contemporaneità dei linguaggi caratterizza, infine, anche due nuove, imperdibili rassegne. Si tratta di “Teatri di vetro” che inaugura il 15 settembre. Sul palco del teatro Vascello e della Casa dei Teatri, fino al 23 settembre saranno in scena diverse discipline che ben rappresentano la scena contemporanea italiana. Non solo teatro dunque, ma anche danza, arte performativa e musica, sempre animati dalla ricerca sui nuovi linguaggi e dalla riflessione sul contesto odierno in cui vive l’arte. E per concludere, il 16 settembre prende il via la prima edizione di “Ossigeno”. La manifestazione presenta nove spettacoli che utilizzano un linguaggio originale e contemporaneo fra teatro, fotografia e video, musica e cinema. Inoltre il festival vuole colmare lo spazio che separa pubblico e attori, palco e platea dando la possibilità di assistere alle prove e incontrare gli artisti fuori dalla scena.

INFO PER IL PUBBLICO:
www.estateromana.comune.roma.it  – www.turismoroma.it

Telefono 060608 (tutti i giorni ore 9-21)

Facebook: www.facebook.com/EstateRomanaRomaCapitale

Twitter: twitter.com/estateromana #estateromana2014

Instagram: instagram.com/estateromana #estateromana2014

App: Estate Romana 2014

 

Eleonora La Rocca
13 agosto 2014

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook