Roma: pacco bomba a sede Equitalia, ferito direttore. FAI rivendica attentato

Roma. Un pacco bomba è esploso nella sede di Roma di Equitalia sita in via Andra Millevoi questa mattina alle ore 12:30. Ferito alla mano (ha perso due falangi) il direttore generale dell’agenzia, Marco Cuccagna, che ha trovato l’ordigno in un pacco postale indirizzato proprio al suo ufficio. Attualmente Cuccagna si trova ricoverato al Sant’Eugenio con codice giallo.

Secondo gli investigatori si tratta di un attacco anarco-insurrezionalista che potrebbe esser collegato all’attentato rivolto pochi giorni fa’ all’amministratore delegato di Deutsche Bank, Josef Ackermann e rivendicato ieri dalla Federazione anarchica informale. Difatti poche ore fa è emerso che nel pacco vi era un biblietto nel quale proprio il FAI rivendicava l’attentato. Secondo gli investigatori sono tre i pacchi bomba inviati in questi giorni, tutti e tre da Milano, quindi vi è preoccupazione e massima allerta poichè il terzo pacco non è ancora stato individuato.
Uno degli investigatori ha dichiarato che il pacco bomba in attesa di giungere a destinazione in realtà potrebbe essere più di uno, e che potrebbe esser diretto: “sia in Italia che all’estero. Sono molto più che atti dimostrativi, qui si mira a fare male. E non è un caso che il periodo scelto per mettere in atto questa nuova fase di attentati sia quello attuale, con la crisi economica che attanaglia l’Europa e che può finire per esacerbare gli animi, favorendo il malcontento e attivando circuiti perversi’”.
Il premier Mario Monti ha commentato la notizia affermando che: “Equitalia ha sempre svolto e continua a svolgere esclusivamente il proprio dovere, nel pieno rispetto delle leggi”.

di Enrico Ferdinandi

9 dicembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook