Bolsena torna agli anni ‘30: l’8 Settembre si pedala la “Carrareccia”!

Bolsena torna agli anni ‘30: l’8 Settembre si pedala la “Carrareccia”!

Foto LA CARRARECCIA (1)Chi ha nostalgia del ciclismo d’epoca alzi la mano, perché Domenica 8 Settembre sarà il suo giorno fortunato. A Bolsena (Viterbo) avrà luogo la terza edizione de La Carrareccia-Pedalando indietro nel tempo. I requisiti per la partecipazione alla cicloturistica sono presto detti: basta presentarsi in sella a una vecchia bici con pedali a gabbietta, il cambio posto sulla canna e un abbigliamento degno del bolide che si cavalca. Senza dimenticare la pedalata estremamente poco agile, ovviamente. Per il sudore e la fatica non c’è problema, soprattutto per chi è abituato a guidare le moderne bici superleggere.

La Carrareccia (nome italiano per le vecchie strade bianche) ha l’obiettivo dichiarato di diventare un punto di riferimento internazionale dopo la già affermata L’Eroica di Gaiole in Chianti come evento sportivo non competitivo. Le premesse sono ottime: i partecipanti vivranno una giornata di passione e amore per il ciclismo, ripercorrendo le strade bianche, attraversando luoghi di cultura, paesaggi mozzafiato e percorsi che hanno fatto la storia delle due ruote senza motore. Ma a rendere speciale la giornata non saranno solo le biciclette d’epoca, visto che Bolsena presenterà dei ristori ricchi di tipicità locali, dal vino ai dolci passando per i salumi, tutto in stile anni ’30, per non far mancare proprio nulla all’atmosfera della giornata. E come se non bastasse, a ricreare il clima di un tempo ci penseranno anche auto e moto d’epoca, presenti sullo stesso percorso della Carrareccia.

Per quanto riguarda i percorsi ce ne sono per tutti i tipi di gambe: si può prendere parte al Classico Giro del lago di Bolsena (54km), oppure al percorso di 95 km, più impegnativo. Infine, da quest’anno, sarà possibile pedalare anche per 130 km, a favore di tutti quelli che una volta riassaporato il sapore di un tempo non ne vorranno più sapere di svegliarsi. La partenza, alla francese (cioè libera), è fissata per le 7.30 fino alle 9 per i più dormiglioni. Le prime pedalate si consumeranno sulla Rotonda del lago di Bolsena. Coloro che parteciperanno alla distanza medio e lungo si dirigeranno verso le colline affacciate sul lago in direzione Umbria, Torre San Severo e Porano, fino ad avvicinarsi a Orvieto. Giunti nel centro abitato di Lubriano, di fronte alla suggestiva Rupe di Civita di Bagnoregio e alla Valle dei Calanchi, i partecipanti del medio e del lungo si congiungeranno a Montefiascone con i retrò del percorso “Classico”. La gara proseguirà con la discesa panoramica verso il Lago di Bolsena, attraversando i comuni di Marta e Capodimonte; da qui il medio ed il classico continueranno in direzione Bolsena e gli atleti del lungo raggiungeranno su strade bianche il lago di Mezzano sino alla Val d’Orcia (bassa Toscana) per fare poi rientro a Bolsena.

Non c’è null’altro da fare che riaprire i vecchi scatoloni, rispolverare i completini usati nel millenovecentochissàquando, andare in garage, risistemare la vecchia bici di un tempo, compagna di tante avventure, e dirigersi verso Bolsena. Non dimenticate di farvi una bella foto all’arrivo.

di Giacomo Di Valerio

10 agosto 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook