Lina Wertmuller testimonial della manifestazione Abruzzo verso EXPO e della LXV Edizione del Premio Michetti

Lina Wertmuller testimonial della manifestazione Abruzzo verso EXPO e della LXV Edizione del Premio Michetti

m-e-di-giandomenico-lina-WertmullerAbruzzo –  Grande successo della cerimonia inaugurale della LXV Edizione del Premio Michetti che si è tenuta sabato 26 luglio 2014, a Francavilla a Mare (CH), a partire dalle ore 19:00, presso il Museo Michetti (Palazzo San Domenico), organizzata dalla Fondazione Michetti, in collaborazione con il Wylford Consortium di Milano, in partnership con vari enti pubblici e privati, tra cui l’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano e il Comune di Francavilla al Mare.

Quest’anno il Premio Michetti, intitolato “Alimento dell’anima”, curato da Tiziana D’Acchille, direttrice dell’Accademia di Belle Arti di Roma, affronta in maniera originale, nell’ambito della più ampia manifestazione culturale internazionale Abruzzo verso EXPO (AvE), le tematiche dell’Expo 2015 con una edizione tutta dedicata ai rapporti tra arte, cinema e cibo sostenibile. Testimonial d’eccezione la nota regista Lina Wertmuller, molto legata alle iniziative culturali di Francavilla al Mare, che ha frequentato sin da giovane come località di turismo balneare.

Inaugurata anche la bella mostra dedicata a Franco Marrocco, Italo Bressan e Alessandro Savelli dal tema “Call for Papers”, a cura di Giovanni Iovane.

La manifestazione culturale internazionale Abruzzo verso EXPO (AvE) ha esordito con la conferenza stampa del 9 luglio scorso a Milano, presso Palazzo Besana di Intesa Sanpaolo in piazza Belgioioso n.1, nell’ambito dell’evento Betting on Italy(BOI). Tutela e Valorizzazione del Made in Italy verso l’EXPO 2015, sotto la direzione di Marco Eugenio Di Giandomenico, alla presenza di varie personalità del mondo delle istituzioni, del cinema, della televisione e della cultura.

Sotto la video intervista a Lina Wertmuller, testimonial dell’evento.

Redazione Spettacolo
28 luglio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook