PS Plus aprile 2020 – In macchina con Nathan Drake e in DiRT Rally 2.0

PS Plus aprile 2020 – In macchina con Nathan Drake e in DiRT Rally 2.0
Fonte immagine: 2duerighe.com

La quarantena può rallentare le consegne delle copie fisiche dei videogiochi, o addirittura rinviare il loro lancio sul mercato, ma non ferma il PS Plus che, come ogni primo martedì del mese, ha appena rilasciato i due giochi mensili gratuiti.

Per questo aprile, Sony sembrerebbe voler continuare il trend di questo anno che si concluderà con l’arrivo di PS5, rilasciando almeno un titolo di spessore ogni mese. Stavolta tocca a Uncharted 4, accompagnato da DiRT Rally 2.0

Uncharted 4 – Fine di un ladro tra pro e contro

Uncharted 4 – Fine di un ladro è il primo capitolo della fortunata serie di Naughty Dog ad approdare su PS4, e sembrerebbe essere anche l’ultimo (se escludiamo l’ottimo spin-off Uncharted: L’Eredità Perduta), tant’è che già all’inizio della storia troviamo un Nathan Drake, infine sposato con la storica compagna Elena Fisher, ritiratosi dalle sue pericolosissime avventure, ma l’incredibile ritorno di una sua vecchia conoscenza lo trascinerà nuovamente in una di queste imprese.

ps-plus-aprile-2020-uncharted-4
Fonte immagine: IGDB.com

Uncharted 4 è senza dubbio il migliore della saga per comparto tecnico (ci mancherebbe) e narrativa, con una grafica tendente al foto realismo che per animazioni facciali e realizzazione dei fondali è migliore anche di God of War (il quale è invece superiore nei particellari e nella regia) e una narrazione che mantiene il ritmo giusto in base al momento, dando sempre la giusta profondità alla storia.

Il gameplay ripropone il meglio di quanto sviluppato nel corso della saga, tuttavia a mancare il punto sono proprio le novità introdotte in questo quarto capitolo: gli scenari sono più ampi rispetto ai primi tre capitoli, dando più libertà di movimento ed esplorazioni, ma senza niente in più da fare o da scoprire, limitandosi al vecchio sistema (superato) dei collezionabili.

Un altro difetto rilevante è L’IA dei nemici quando si gioca stealth, con il loro indicatore di allerta che ci mette davvero troppo a riempirsi, andando a creare alcune situazioni imbarazzanti.

DiRT Rally 2.0 – Questo si che è guidare

Negli anni ‘80 e ‘90 i giocatori testavano titoli di ogni generi sulle loro console, complice un medium videoludico ancora più giovane; oggi invece si è molto più selettivi nella scelta dei videogiochi, anche per via di una maggiore pubblicità tramite il web e, in particolare, i social.

Molti giocatori si chiedono, ad esempio, che fine abbiano fatto i titoli automobilistici sviluppati da Codemasters. Ebbene, quei titoli vengono regolarmente rilasciati ancora oggi, ma si rivolgono chiaramente a un pubblico dedicato.

Se il gameplay della jeep in Uncharted 4 non è particolarmente riuscito, troverete sicuramente una soddisfazione maggiore con DiRT Rally 2.0, il quale punta ad essere il titolo di riferimento per la simulazione di Rally.

Gli sviluppatori hanno lavorato con cura al feedback sui vari tipi di terreno, al realismo dei danni subiti, e alla realizzazione grafica degli ambienti, con tanto di tecnicismi per gli appassionati nella scelta delle vetture e delle piste e licenze FIA.

Per un realismo ancor più grande, è possibile giocare DiRT Rally 2.0 anche con il VR, anche solo per ammirare ancor più i dettagli grafici con una visuale in prima persona direttamente dal posto di guida.

ps-plus-aprile-2020-uncharted-4
Fonte immagine: IGDB.com

Uncharted 4 è un titolo che non può mancare ai fan delle avventure di Nathan Drake. Potrebbe anche essere, paradossalmente, il capitolo da cui partire, ma lo sconsiglio senza aver prima giocato i tre capitoli per PS3 (tra l’altro, Uncharted: The Nathan Drake Collection era uno dei titoli PS Plus nel mese di gennaio).

DiRT Rally 2.0 potrebbe interessare a chiunque cerchi un valido titolo di guida sportiva, ma il suo puntare alla miglior simulazione di Rally possibile lo rende un videogioco più adatto agli appassionati della disciplina.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook