Martina Simonelli
Martina Simonelli

Biografia

Sono Martina e fin da bambina adoravo raccontare storie. Col passare degli anni ho imparato a farlo in modi molto diversi tra loro, e che fosse attraverso un articolo, un racconto o una canzone poi non ho mai più smesso. Scrivere è uno dei mezzi più potenti che l'essere umano ha per creare dei legami.

Articoli

Omori: quando il paesaggio è specchio dell’anima

Quando ho lavorato a “Perché Omori è il gioco più sottovalutato di tutti”, ho esplicitamente scritto che ci sarebbe stato presto uno speciale sul mondo di gioco. Ed eccoci qua! Quale miglior luogo per parlare dell’incredibilmente curato e simbolico design paesaggistico della meraviglia omocattiana, se non durante il nostro progetto su narrazione e paesaggio?  Andiamo insieme a conoscere e analizzare…
Commenti

Qual è il futuro delle OSt videoludiche? Breve (ma non troppo) excursus sugli ultimi decenni

“I videogiochi non influenzano i bambini. Voglio dire se Pac-Man avesse influenzato la nostra generazione, staremmo tutti saltando in sale scure, masticando pillole magiche e ascoltando musica elettronica ripetitiva.”  Marcus Brigstocke, comico inglese. Ops, Mark.  Cioè, non voglio dire che stiamo tutti in sale scure, masticando pillole, ma sulla musica elettronica ripetitiva potrei avere da ridire.  Adoro la musica elettronica.…
Commenti

In memoria di Franco Battiato: il centro di gravità si è solo spostato più in là

Ne ho lette e sentite già tante, da quando stamattina ho aperto i social. Talmente tante che ho pensato che l’ennesimo necrologio fosse inutile. Che si sarebbe perso, come sempre accade alla morte di un artista, nel marasma di titoloni e corsa agli armamenti che si smuove quando un pezzo di storia (musicale, in questo caso) ci viene tolto.  Ho…
Commenti

Videogames senza parole: quando l’ambiente racconta

Si può raccontare qualcosa senza parole? La logica suggerisce di no, il mondo videoludico ci dice di sì! I titoli che narrano storie senza l’uso della lingua sono molti e lo fanno in una maniera molto più semplice e immediata: il paesaggio che circonda i personaggi.  In questo articolo visiteremo quattro posti davvero incredibili, profondamente poetici e… (quasi) del tutto…
Commenti

Omori è il gioco più sottovalutato di tutti (soprattutto in Italia)

Benvenuti nello spazio bianco.  Voi non lo vedete perché è già pieno di parole, ma io sì, molto chiaramente: uno spazio completamente bianco, tutto da riscrivere. O da ricordare. Dipende.  Mettetevi comodi, perché quello che faremo oggi sarà un viaggio poco piacevole, un percorso accidentato tra paure, sensi di colpa, depressione, ansia. Una lunga autostrada a senso unico (e profondo),…
Commenti