Il primo appuntamento… al supermercato per la spesa

Treviso. Come spesso succede, un ragazzo ed una ragazza, lei di Treviso e lui di Venezia, si conoscono su Facebook e subito scatta quella scintilla in entrambi che porta una certa complicità un certo feeling. E come è naturale che sia dopo alcune settimane di una continua e piacevole amicizia virtuale, dopo notti insonne trascorse a chattare ed a flirtare decidono di incontrarsi anche nel mondo reale. Per il fatidico incontro scelgono il centro di Treviso nei pressi di un distributore di carburante. Il programmino ipotizzati dai due ragazzi è semplice ma molto piacevole, almeno così nei loro piani, un incontro nel pomeriggio,  un aperitivo, una cenetta romantica e poi chissà forse un dopo cena.

Il ragazzo preso da un’euforia tipica di chi pregusta già una dolce serata, parte da Venezia e con largo anticipo di reca nel luogo del fatidico incontro, nel luogo dove da lì a poco, avrebbe incontrato lei, la sua nuova amica. Dopo qualche minuto di attesa la ragazza arriva, ed inizia una piacevole  chiacchierata, però all’improvviso la giovane ragazza si ricorda di dover andare a fare la spesa e così chiede al suo nuovo amico veneziano di accompagnarla.
Così i due si recano in un ipermercato della zona e riempiono il carrello di ogni cosa possibile ed immaginabile, e quando la fanciulla pensa di aver preso tutto, ma proprio tutto, si recano alla cassa. E lì la giovane si ricorda di un piccolo particolare, di non aver ancora ricevuto l’accredito dello stipendio e così chiede un piccolo favore al nuovo boyfriends, di pagare l’irrisorio conto della spesa, solo 260 €, il giovane veneziano da vero gentleman accetta volentieri di aiutare la giovane in difficoltà, sicuro com’era che da lì a poche ore avrebbe ricevuto il rimborso di quanto prestato, almeno secondo le promesse della giovane. Dopo aver caricato tutto nella sua auto, la ragazza, decide di andare a sistemare tutto a casa,  e dopo avrebbero potuto riprendere il loro romantico tètè a tètè.
Peccato però che la ragazza, ha lasciato il suo amico ad aspettarla per ore ed ore, fino a quando il veneziano non ha potuto far altro che recarsi dalle forze dell’ordine per denunciare la truffa. Trucchetto non nuovo anzi sempre più diffuso in tutta Italia…

Ivan Figurino Gangitano

30 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook