Inter – Sassuolo 0-0, De Zerbi ferma Spalletti

Inter – Sassuolo 0-0, De Zerbi ferma Spalletti

Si interrompe a sette la serie di vittorie di fila in casa dell’Inter. In uno stadio “Meazza” con le porte chiuse, popolato esclusivamente da bambini festanti, i nerazzurri impattano contro il Sassuolo chiudendo sullo 0-0 la gara dei BUU, intesi come “Brothers Universally United”. Un punto che non fa sorridere Spalletti, visibilmente arrabbiato nel post partita per la scarsa cattiveria in avanti mostrata dai suoi e le troppe palle perse.

Il tecnico toscano riassegna una maglia da titolare a Brozovic, D’Ambrosio e Perisic, con quest’ultimo schierato sulla fascia opposta di Politano, ex di giornata. Rinnovata la fiducia a Joao Mario, che agisce tra le linee.

De Zerbi ripropone Peluso centrale difensivo e si affida al trio offensivo formato da Boateng, Djiuricic e Berardi.

Primo tempo in equilibrio – Avvio positivo per il Sassuolo, subito pericoloso con Locatelli e Boateng. Il palleggio dei neroverdi mette in seria difficoltà gli uomini di Spalletti, che faticano a prendere possesso continuativo del pallino del gioco. La prima vera occasione da gol per i nerazzurri arriva al minuto numero 31, quando la zampata di Politano è alzata sopra la traversa da un ottimo Consigli. Sarebbe stato il classico gol dell’ex per il funambolico esterno offensivo, autore di 24 marcature in 110 partite giocate con il Sassuolo.
Negli ultimi quindici minuti del primo tempo l’Inter sembra acquisire maggiore convinzione, sebbene Icardi continui a far fatica ad entrare in partita. Al 40’ è Vecino ad avere la palla del vantaggio dopo un’azione di sfondamento a sinistra di Perisic, ma Consigli è nuovamente reattivo e salva il risultato.

Occasione Sassuolo nel finale – Nella ripresa ci si aspetterebbe un’Inter audace e determinata, proiettata alla ricerca insistente del vantaggio. Dopo dieci minuti dal rientro in campo, invece, è il Sassuolo a sfiorare la rete: Duncan allarga per Berardi, che mette in mezzo per l’accorrente Boateng, il cui colpo di testa esalta i riflessi di Handanovic.
Spalletti prova a dare consistenza al centrocampo richiamando un deludente Joao Mario e inserendo Nainggolan, recuperato ma non ancora al meglio.
Al 70’ si vede finalmente, per la prima volta, Icardi, che da buona posizione non riesce a impattare bene di testa.
A dieci minuti dal termine Spalletti gioca la carta Lautaro Martinez, nella speranza di sbloccare una gara che sembra lentamente e inesorabilmente scivolare verso un inutile pareggio a reti inviolate. Ma è il Sassuolo ad avere l’occasione migliore per portare a casa la vittoria: Boga, servito in area da Locatelli, fa partire un destro potente su cui Handanovic, molto ben piazzato, risponde con i pugni. Il forcing nerazzurro arriva solo negli ultimi due minuti di recupero e, purtroppo per i piccoli tifosi nerazzurri, non produce l’effetto sperato. Il muro neroverde resiste e, con esso, anche la parità nel punteggio.

Meritano 2duerighe:

Handanovic: salva il risultato in almeno tre occasioni, un paio su Boateng e una nel finale su Boga. Decisivo.

Icardi: mai in partita, fa poco movimento e nel finale, quando servirebbe prendere la squadra per mano, non si fa vedere.

Il tabellino:

Inter – Sassuolo 0-0

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, de Vrij, Skriniar, Asamoah; Vecino (37′ st Borja Valero), Brozovic; Politano (36′ st Martinez), Joao Mario (15′ st Nainggolan), Perisic; Icardi. A disposizione: Padelli, Ranocchia, Gagliardini, Candreva, Dalbert, Miranda, Vrsaljko. Allenatore: Spalletti.

Sassuolo (4-1-4-1): Consigli; Lirola, Magnani, Peluso, Rogerio; Sensi (31′ st Magnanelli); Berardi, Duncan (28′ st Bourabia), Locatelli, Djuricic (17′ st Boga); Boateng. A disposizione: Babacar, Ferrari, Satalino, Pegolo, Brignola, Lemos, Adjapong, Dell’Orco, Matri. Allenatore: De Zerbi.

Arbitro: Pairetto di Torino.

Note: ammoniti: Brozovic (C), Sensi, Rogerio, Peluso (S). Recupero: 2′ e 3′.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook