L’Allieva: tutto sulla nuova fiction di Rai1

L’Allieva: tutto sulla nuova fiction di Rai1

Una voce fuori campo di una giovane donna che racconta con ironia e freschezza le gioie e i dolori di una vita da aspirante medico, fa pensare subito alla serie americana più amata negli ultimi anni, Grey’s Anatomy. Nonostante alcune piccole similitudini, la nuova fiction della Rai L’Allieva che sarà in onda su Rai1 dal prossimo martedì 27 settembre, è un prodotto originale e con spunti molto interessanti. Tratta dai primi tre romanzi della giovane e dolce scrittrice Alessia Gazzola (L’Allieva, Un segreto non è per sempre, Sindrome da cuore in sospeso), la fiction porta sul piccolo schermo il personaggio di Alice Allevi (interpretata da Alessandra Mastronardi), una goffa e semplice ragazza che al sesto anno di Medicina decide di iniziare il suo internato presso l’Istituto di Medicina Legale. Nonostante la grande passione e la voglia di imparare, dovrà fare i conti con la sua natura maldestra e distratta che poco ha a che fare con il lavoro meticoloso e preciso che dovrà praticare. Per questi motivi, e per la sua innata capacità di avere giuste intuizioni riguardo casi di omicidio, Alice attira da subito l’attenzione del suo superiore Dott. Conforti (Lino Guanciale), affascinante medico dell’Istituto. Il loro presto diventerà un rapporto di amore e odio, a metà tra la vita professionale e privata.

Nel contempo Alice deve destreggiarsi nella sua vita quotidiana, facendo avanti e indietro tra Roma e Sacrofano dove vivono i genitori e la Nonna Amalia (Marzia Ubaldi), una donna molto curiosa e sua prima confidente. Anche il fratello minore Marco Allevi (Pierpaolo Spollon), aspirante fotografo e artista, le dà molto da fare e le consente di conoscere l’intrigante giornalista Arthur (Dario Aita), per il quale Alice perderà inevitabilmente la testa.

Tra il giallo e la commedia sentimentale, la fiction ha la capacità di divertire e intrattenere lo spettatore di qualunque età. Il punto di forza è quello di mettere a nudo le difficoltà e le paure di una giovane ragazza che entra per la prima volta nel mondo del lavoro. In una società sempre più esigente, il terrore di non essere all’altezza accomuna tutti i ragazzi che intraprendono il loro percorso professionale, ma la passione e l’impegno sono il segreto per il raggiungimento dei propri risultati.

Presentata in anteprima nella splendida cornice del Quirinetta a Roma, ha subito accolto il consenso della critica. Il produttore Massimo Del Frate ha dichiarato che la fiction parla “dei sogni, delle energie, ma anche delle contraddizioni e delle insicurezze di una generazione che ancora non ha avuto modo di avere una degna rappresentazione televisiva”.

È molto facile innamorarsi del personaggio di Alice, sia per la sua bellissima interprete, sia perché la sentiamo in qualche modo vicina; non è il simbolo della perfezione ed è piena di insicurezze che, come dice il regista Luca Ribuoli, sono manifeste in Alice “in tutto quello che fa: nei rapporti affettivi, in quelli di lavoro, nelle scelte di tutti i giorni. La curiosità di Alice la spinge ad indagare. La sua intelligenza la rende capace di risolvere i casi polizieschi. Ma la sua insicurezza la priva della possibilità di riconoscersi questo talento. Alice è anche determinata nel cercare di dimostrare quanto vale. Questo aspetto mi è servito in chiave di commedia perché va in corto circuito con la sua inaffidabilità, che ritengo essere il suo vero marchio di fabbrica.”

La scrittrice Alessia Gazzola dice che il primo particolare che deve essere evidente in Alice è il suo sguardo limpido e volitivo, ed è facile rivederlo nella Mastronardi. L’attrice dona al suo personaggio un fascino particolare e bizzarro che fa sorridere.

Molto interessante è stata la scelta di un’ambientazione bohémien e particolare resa evidente dai locali romani frequentati da Alice e dal suo bellissimo appartamento nel quartiere del Pigneto. Uno stile che piace molto ai giovani in questi ultimi anni, la cui atmosfera è introdotta dal brano “A week” della sigla, composto e interpretato dal duo romano The Shalalalas. I due giovani musicisti ricordano le sonorità indie folk della band Of Monsters and Men, e creano brani di forte impatto emotivo in cui il violino, la voce femminile e maschile si intrecciano per dare vita a melodie soavi e oniriche.

Un bel prodotto della Rai che potrete seguire su Rai1 da martedì 27 settembre alle ore 21.15!

L’Allieva

Regia: Luca Ribuoli

Head writer: Peter Exacoustos

Autori dei soggetti: Peter Exacoustos, Alessia Gazzola

Sceneggiatori: Peter Exacoustos, Cecilia Calvi, Valerio D’Annunzio, Vinicio Canton

Scenografia: Massimo Santomarco

Montaggio: Marco Garavaglia

Fotografia: Giovanni Galasso

Produzione: Rai Fiction realizzata da Endemol Shine Italy

Produttori Rai: Paola Foffo, Walter Ingrassia

Durata: sei puntate per un totale di undici episodi

Con: Alessandra Mastronardi, Lino Guanciale, Dario Aita, Michele di Mauro, Francesca Agostini, Pierpaolo Spollon, Jun Ichikawa, Chiara Mastalli, Giselda Volodi, Marzia Ubaldi, Martina Stella, Ray Lovelock Francesco Procopio, Fabrizio Coniglio, Laura Mazzi, Giuseppe Antignati, Anna Dalton, Emmanuele Aita

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook