VIAGGIO NELLA STORIA DEI VIDEOGAMES #5

VIAGGIO NELLA STORIA DEI VIDEOGAMES #5

VIAGGIO NELLA STORIA DEI VIDEOGAMES #5

Verso gli Arcade

Nel terzo episodio della rubrica abbiamo iniziato una lunga parentesi sul Magnavox Odyssey, la prima console casalinga della storia, completando il quadro nel nostro quarto appuntamento, dove abbiamo parlato di tutte le differenti edizioni dell’Odyssey arrivando fino alla sua ultima iterazione nel 1977. Questa volta facciamo quindi un passo indietro, ritornando sui nostri passi per raccontarvi ciò che successe al resto dell’industria videoludica mentre parallelamente il Magnavox Odyssey seguiva il suo corso.

Golf Game Computing System

Siamo nel 1966 e J. A. Russel ed i suoi colleghi depositano il brevetto per quello che può essere considerato il primo videogioco di simulazione della storia.

Il sistema era estremamente complicato e richiedeva l’utilizzo di un intero locale. Per poter giocare, nella stanza andavano posizionati in un determinato modo uno schermo, due proiettori, un microfono, delle fotocellule ed un computer analogico. Il giocatore posto su una pedana doveva colpire la palla, e mentre i due proiettori si sarebbero occupati uno del punteggio e l’altro di riprodurre l’azione della palla, il microfono e le fotocellule avrebbero permesso il calcolo di traiettoria, velocità e persino senso e velocità di rotazione della palla, un livello di dettaglio impensabile per l’epoca!

Sebbene il progetto fosse prodigioso da un certo punto di vista, dall’altro era estremamente costoso, ingombrante e limitante, perciò “Golf Game Computing System” rimase semplicemente un brillante brevetto su carta.

Brevetto di Golf Game Computing System

La nascita di UNIX

Nel 1969 vediamo la comparsa di quello che probabilmente è stato uno dei primi sistemi operativi e che sarà poi quello più utilizzato per i sistemi mainframe a venire. Questo avvenimento riguarda parzialmente il mondo dei videogiochi ma è importante per due fattori: il primo è che molti titoli in futuro gireranno anche su questo sistema operativo, e l’altro, non di minore importanza, è che UNIX fu inventato proprio grazie ai videogiochi!

Infatti, il sistema operativo nacque all’interno dei Bell Laboratories, per mano di Ken Tomphson e Dennis Ritchie su tutti, i quali spiegarono tempo dopo, che UNIX fu ideato e sviluppato per eseguire un programma chiamato “Space Travel”, in grado di replicare i movimenti del sole e dei pianeti così come quelli di una navicella in grado di atterrare in posti differenti. All’inizio dello sviluppo “Space Travel” era scritto in linguaggio Fortran per il sistema GECOS, ma la poca versatilità del sistema ed i costi molto alti convinsero gli sviluppatori a spostare il progetto su PDP-7 utilizzando il linguaggio assembly e gettando quindi per l’occasione, tutte le basi necessarie allo sviluppo di UNIX.

Postazione e schermata di Space Travel

Inizia l’epoca degli Arcade

La Stanford University da inizio ad una parte molto rilevante nella storia dei videogiochi, quella dei cabinati. Infatti è nel 1971 che viene creato “Galaxy Game”, considerato il primo videogioco arcade mai realizzato. Il gioco presentava il medesimo gameplay del celebre “Spacewar!” (se vuoi saperne di più abbiamo parlato di questo gioco nel secondo appuntamento) e, come quest’ultimo, anche “Galaxy Game” girava su computer PDP-11/20. Esso funzionava con una moneta da 10 centesimi. Inizialmente il gioco era composto di sole due console di comando, ma vennero portate fino ad otto nelle successive revisioni.

Galaxy Game” venne smantellato nel 1979 e non fu mai commercializzato su larga scala. Fu poi riassemblato nel 1997 e ad oggi è esposto all’interno del Computer History Museum di Mountain View, in California.

Due postazioni del Galaxy Game

Anche oggi il nostro viaggio giunge al termine, ma nel prossimo appuntamento riprenderemo serrati da questo 1971, che cela un’altra grande sorpresa, introducendo una delle figure chiave dell’epoca d’oro dei videogiochi e che più volte sarà ricorrente fino ai giorni nostri, ci si legge fra un mese!

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook