“Green Italy”, di Ermete Realacci

La crisi economica che dal 2008 ci attanaglia non sembra aver intenzione di mollare la presa. La sua morsa è resa feroce e violenta dalle stabili e resistenti radici che si sono sviluppate in profondità durante decenni di noncuranza del debito pubblico e spietate speculazioni finanziarie.
La luce alla fine del tunnel è ridotta ad un lumicino, ma è comunque visibile. Qual è la soluzione per superare la crisi? Cosa si può fare per raggiungere la meta della crescita e del benessere economico?  

Ermete Realacci, ambientalista (presidente onorario di Legambiente) e parlamentare, nel suo nuovo libro “Green Italy“, edito da Chiarelettere, prova a dare la ricetta giusta per uscire dalla crisi economica. La capacità di scoprire i talenti italiani, unici a livello mondiale, e il coraggio di puntare su di essi rappresentano il primo passo da compiere per cambiare le cose e la relativa visione delle stesse. Bisogna volgere lo sguardo al nostro Paese con degli occhi diversi, lontani dagli asettici giudizi delle agenzie di rating americane, ma intrisi di quella passione che per secoli ha reso il nostro popolo fiero delle proprie origini.

Ermete Realacci racconta storie di un’alleanza tra imprese e comunità, tra ambiente e nuovi modi di vivere che vanno oltre qualsiasi difficoltà economica e rappresentano un binario privilegiato per trasportare l’Italia e gli italiani oltre la montagna apparentemente insormontabile della sfiducia e della recessione, rendendo il Belpaese più desiderabile e competitivo.

Nella Green Italy dipinta dall’autore la green economy si coniuga in maniera armoniosa con le vocazioni nazionali, cristallizza le tradizioni e le fa sposare con l’elettronica e la meccanica di precisione. Le eccellenze tricolore e la qualità delle imprese italiane dovrebbero fare da locomotiva ad una economia attualmente assonata ma ancora viva. Servirebbe inoltre dare il giusto valore alla ricerca e allo sviluppo, strumenti fondamentali per rendere più sostenibile e innovativa l’economia rendendola aperta ai nuovi mercati globali e rinsaldando i legami con il territorio.

In conclusione, un libro che ha il pregio di smaterializzarsi dalle fredde pagine di carta e trasformarsi in una proposta concreta di cambiamento. Un tentativo ardito di fornire una soluzione costruttiva, velata di un dolce patriottismo, ai problemi che affliggono le casse dello Stato e il portafoglio degli italiani.

Giuseppe Ferrara
2 febbraio 2013

Info:

Autore: Ermete Realacci
Editore: Chiarelettere
Prefazione di: Ivan Lo Bello
Postfazione di: Alberto Meomartini
Pagine: 336
Prezzo: 15,00 € (disponibile anche in e-book al prezzo di 10,99€)

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook