“La Tv al tempo del web”: al Palazzo dei Congressi di Roma la presentazione del nuovo saggio di Maurizio Giannotti

Come è cambiata la Tv? Qual è ormai il suo ruolo nell’era di Internet? Queste ed altre domande fondamentali troveranno risposta nel saggio di Maurizio Giannotti “La Tv al tempo del web“, che sarà presentato venerdì 7 dicembre presso il Palazzo dei Congressi dell’Eur, in occasione della fiera della piccola e media editoria.

La storia della Televisione da parte di chi la vive sulla propria pelle:  Maurizio Giannotti è autore di “Forum” e di “Uno mattina” e docente presso RAI LAB.  Dal 1954, anno in cui si accese per la prima volta, ad oggi, la Tv ha cambiato forma e spessore, mostrando sempre di più il suo indissolubile legame con la vita umana. L’autore evidenzia un percorso in sei tappe per l’apparecchio che ha cambiato profondamente la storia dell’umanità: quella dell’”innocenza”, dell’”esperienza”, della “scelta”, della “gente comune”, della “realtà” e, infine, del “web”.

La Tv è divenuta sempre più interattiva, dai tre concorrenti di “Rischiatutto” alla prigione del “GrandeFratello”; da Renzo Arbore in “Quelli della notte” all’attuale “Uno mattina”, in cui sono introdotti collegamenti Skype con ogni parte del mondo. Il genere umano cambia, l’e-book sostituisce il libro, le chat prendono il posto delle chiacchierate al bar e la Tv non può tenersi fuori da questo nuovo e tecnologico mondo. Come afferma Giampiero Gamaleri, professore di Sociologia dei processi culturali e comunicativi e autore dell’introduzione al saggio, la potenza del web è ormai pervasiva nella vita dell’uomo oltre che nell’informazione. A partire dalla strage di Viareggio del 2009, in cui due ragazzi in motorino fecero, per primi, la ripresa del terribile rogo, si è ormai affermato il “citizen journalism”, grazie al quale ognuno può trasformarsi in un potenziale reporter. Questa universalizzazione dell’attività giornalistica, in cui i ruoli di informatore e informato sono constantemente interscambiabili, fa sì che il contenuto prevalga sulla qualità tecnica della produzione e del trasferimento della notizia. Ѐ a questo punto che il mondo radiotelevisivo deve intervenire, incarnando la novità e facendosi spazio nel mondo della rete.

In occasione della presentazione saranno presenti, oltre all’autore, il filosofo Gabriele La porta, ex direttore di Rai 2, e Carlo Nardello, direttore dello sviluppo strategico in Rai. Un cast d’eccezione per l’acuto e puntuale saggio di Maurizio Giannotti, che lungi dal crogiolarsi nella nostalgia del passato, elabora un attento programma su un futuro televesivo in cui, come egli stesso scrive, “più niente sarà come prima”.

Alice Andreuzzi

7 dicembre 2012

 

Info:

Palazzo dei Congressi, Piazzale Kennedy, 1

Roma (Eur)

Venerdì 7 dicembre 2012

ore 17:00

Interverranno: Maurizio Giannetti, Gabriele La Porta e Carlo Nardello

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook