LA LAMPADA | Quarta puntata della web serie Abdullywood

LA LAMPADA | Quarta puntata della web serie Abdullywood

La lampada è la quarta puntata della web series del mitico Abdul.

Ma dove avevamo lasciato il nostro protagonista nelle puntate precedenti?
Sappiamo ormai che Abdul sta creando un mondo strano. I camici si indossano al contrario, i funghi vengono usati dai vermi come ombrelli e gli scoiattoli camminano in equilibrio con le ghiande. Ma Abdullywood non è solo questo. Dario Sicario alias Alfonso Caso mandato in perlustrazione da Maria Pia Infermeria alias Giulia Carla De Carlo, sta cercando il paziente 69 (Abdul) ovunque. Loro sanno che sta succedendo qualcosa di strano.

E infatti che cosa ha fatto Abdul fino a questo momento? Ha trasformato tre ladri di banca, che sapevano benissimo che l’unica moneta degna di essere rubata è la sterlina, in ciò che volevano davvero diventare. E quindi abbiamo visto Ivo Legislativo alias Andrea Bonella diventare un vigile malefico, Renato Obliterato alias Fabrizio Scudieri lavorare come bigliettaio sparamulte, e Ramona Zozzona alias Federica D’Ambrogio impegnarsi ad essere un’ammaliante prostituta. Ma che è successo ad Abdul?

Dopo l’estenuante Puttan Tour e distrutto finanziariamente dalle continue multe di Renato ObliteratoIvo Legislativo decide di andare a lavorare. Viene assunto in un ufficio come tanti, in un posto come tanti. Il capo dell’azienda, appena lo ha visto, ha capito che in realtà non gli interessava essere il boss dei boss. Lui voleva solo partecipare al Cantagiro. Così, lascia tutto in mano ad Abdul, e parte per la sua missione canora. Durante la pausa pranzo Abdul si riposa con i suoi colleghi: la procace Sofia Scrivania alias Guendalina TambelliniDante Rappresentante alias Luca Tarsia. Come se fosse stata messa lì a terra appositamente dalla produzione, i tre vedono una lampada. Viene sfregata e appare magicamente … indovinate chi? Eu-Genio alias Alessandro Grande che esprimerà solo un desiderio a testa. Quali saranno le fantasie di Dante Rappresentante, Sofia Scrivania Abdul?

Se volete scoprirlo dovete guardare La Lampada

Nelle puntate precedenti

Nella prima puntata, oltre ad Abdul, si ha la partecipazione dell’attore Andrea Bonella che tiene la scena insieme al “burundiano”. Un ladro da quattro soldi che, non appena incontra lo sguardo di Abdul, capisce che la sua vita sta andando in una direzione sbagliata. Capisce che ciò che vuole realmente è essere un vigile. Diventa così Ivo Legislativo.

Nel primo episodio troviamo l’introduzione anche degli altri due ladri interpretati da Fabrizio Scudieri Federica Ambrogio.

Per approfondimenti leggi l’articolo La mamma di tutte le Web Series

Siamo anche riusciti ad ottenere l’Intervista esclusiva a Ivo Legislativo

Nella seconda puntata, Abdul si ritrova alla fermata dell’autobus.

Eh già, perché dopo aver avuto la disavventura di incontrare Ivo Legislativo, che lo ha multato per essersi fermato al semaforo rosso, Abdul decide di andare a piedi, o meglio … in autobus. Ignaro che avrebbe incontrato un portatore sano di multe: Renato Obliterato. Un controllore senza controllo. Intanto Dario Sicario e Maria Pia Infermeria si sono accorti della sua fuga e la caccia ha inizio.

Ma la domanda di tutte le domande è: RIUSCIRA’ ABDUL A PRENDERE L’AUTOBUS?

Per approfondimenti leggi l’articolo de Il Biglietto

Nella terza puntata, Abdul di nuovo in macchina stavolta si inventa un parcheggio anti-Ivo Legislativo. In quel momento appare una dea, una meraviglia, una mign… (una donna di facili costumi). Si avvicina sinuosa. Ramona Zozzona in arte Federica Ambrogio (o il contrario, chissà qual è la verità) gli fa perdere la testa. Arrivano in quel momento con una rapida sgommata Ivo Legislativo e Renato Obliterato. Chi sceglierà  Abdul tra la bellissima Ramona e la vivacità di Ivo e Renato?

Per approfondimenti leggi l’articolo de Abdul Puttan Tour

Vi ricordo che la quinta puntata sarà online giovedì 10 novembre 2016 e ne scopriremo delle belle.

Per non perdervi nessun aggiornamento iscrivetevi al canale di Tele Abdul

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook