Dual Band: la terza stagione di Il Cielo sotto Milano cavalca l’Ippogrifo

Dual Band: la terza stagione di Il Cielo sotto Milano cavalca l’Ippogrifo

C’è una realtà artistica sotto il Cielo di Milano, anzi, più sotto ancora, sotto alla strada, dentro il passante ferroviario di Porta Vittoria. É un teatro underground, Il Cielo Sotto Milano, gestito dalla Dual Band.

Ma non pensate a qualcosa di grigio, a locali privi di luce, a transiti frettolosi o a rumori di anonimi treni. Perchè lo spazio che occupa la Dual Band è pieno di musica, parole, scintille emotive, quelle che danno luce, riscaldano, accolgono con abbracci che si moltiplicano, come cerchi d’acqua.

Proprio come si è moltiplicata la Dual Band.

All’inizio, vent’anni fa, erano due: Anna Zapparoli, attrice regista e drammaturga e Mario Borciani, compositore, pianista e direttore musicale.

Era una piccola “banda” ma pieni di semi. I semi hanno dato i frutti: non solo altri compagni di viaggio ma due figli, Benedetta e Beniamino, che condividono e arricchiscono il tracciato genitoriale dove musica e teatro si fondono.

Ed è davvero bello vedere funzionare questa realtà generazionale dove non si parla né di rottamazione né di passaggio di timone, ma si lavora fianco a fianco mantenendo e rinnovando la tradizione ogni giorno.

La stagione 2017/18, dal titolo Cavalcando l’Ippogrifo, offre 39 appuntamenti tra produzioni e ospitalità, tra classici e contemporanei.

Tra gli spettacoli più attesi, Orlando viaggia ancora nel metrò, la nuova produzione Dual Band, un omaggio alla figura favolosa creata dall’Ariosto come strumento di conoscenza del mondo; è un invito al pubblico a “cavalcare l’ippogrifo” per attraversare sentieri della realtà e della fantasia, per aprirsi azichè rinchiudersi in se stessi in questo momento storico di difficile comprensione.

Tanti gli spettacoli musicali realizzati dalla Dual Band come la nuova produzione, The Magical Beatles’ Flying Circus, omaggio ai Beatles e ai Monty Python, e La Passione di Porta Vittoria – Una versione urbana della Passione secondo Matteo di J. S. Bach.

Tra gli spettacoli musicali ospiti ricordiamo Le dolenti note – Il mestiere del musicista: se lo conosci lo eviti, con la Banda Osiris.

Molto atteso il concerto, il primo della stagione, dell’Ensemble di Germano Mazzocchetti, straordinario compositore di musiche di scena per il teatro e il cinema, ospite in Porta Vittoria il 14 ottobre.

Ma Dual Band è anche Pocket Theatre, la rassegna che propone al pubblico i grandi classici della letteratura anglosassone, in lingua originale con i sovratitoli in italiano: dai capolavori di Shakespeare (A Midsummer Nights Dream) a Harold Pinter, passando per Oscar Wilde (The Importance of Being Earnest).

Rivoluzioni e migrazioni sono tra i temi della stagione. Tre le rivoluzioni raccontate: quella d’Ottobre di cui ricorre il centenario il 7 novembre e a cui la Dual Band dedica la serata La Corazzata Potëmkin NON è una cagata pazzesca; quella musicale del Romanticismo tedesco, che ritroviamo nel concerto-racconto Con un paio di occhiali magici, con il pianista Filippo Balducci e la Dual Band; e quella più vicina a noi, il Sessantotto (The Magical Beatles’ Flying Circus)

Ricordiamo, infine, tra le novità in stagione, No(t)te di Broadway – I giovedì tra cinema e musica, rassegna a cura del critico Sandro Avanzo, per incontrare e ri/scoprire i 5 moschettieri del musical di Broadway: Irving Berlin, George Gershwin, Jerome Kern, Cole Porter e Richard Rodgers.

La Dual Band vi aspetta per il primo spettacolo musicale della stagione il 7 e l’8 ottobre 2017: Bentornato, signor Brecht! per raccontare la biografia segnata dall’esilio, del drammaturgo tedesco.

Il Cielo sotto Milano si trova nella stazione ferroviaria del Passante di Porta Vittoria, in viale Molise (MI). Ulteriori informazioni su www.ladualband.com

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook