Raffaella Roversi
Raffaella Roversi

Biografia

Ho vissuto da piccola in Africa, a Lusaka. Quegli spazi dilatati e quei colori, forti, accesi, ancestrali, sono rimasti dentro me. Amo le grandi stanze dagli alti soffitti, l’immensità dello spazio intorno a me. Mi sono laureata con lode in legge a Roma, mia città natale; dopo un corso di specializzazione, sono partita con due borse di studio per Lussemburgo e Bruxelles. Non sono più tornata, passando 15 anni tra Bruxelles, dove ho lavorato nel settore giuridico comunitario e Monaco di Baviera, dove ho insegnato la lingua dei padri in azienda e all'università (LMU). Mi piace la lingua di Voltaire e quella di Goethe. Ma che piacere ritrovare la mia, con i colori e profumi dei suoi dialetti! Al teatro mi sono avvicinata dopo un grande patatrac affettivo. Avevo creduto che la vita fosse una cosa molto seria, per persone serie, tutte d’un pezzo. Poi tutto è crollato e del mio bel mosaico non è rimasta che qualche tessera scolorita che sembrava per giunta di un altro mosaico, di un’altra vita, non di quella che avevo creduto vivere. E così, per non farmi travolgere dalla mia storia, ho cominciato a guardare le storie degli altri su un palco. Arrivando alla conclusione vagamente burlesque, che la vita è un gran bel teatro! E questo vorrei condividere con voi: l'emozione, la finzione, la verità del teatro, o, se volete, della vita!

Articoli

La Canzone Fattapposta, al telefono con i Duperdu

Qualcuno dei vostri cari è nato in questi giorni e vi manca non poter organizzare un ritrovo con tanto di amici, torta, candeline, o con…La Canzone Fattapposta? In questo tempo da coronavirus, dilatato e drammatico per molti, per qualcuno può essere più che mai importante marcare in qualche modo una data importante per una persona cara, lontana nello spazio ma…
Commenti

Emergenza Coronavirus: Elfo online Parenti online

Ci manca il teatro, lo spazio di libertà, divertimento, riflessione che offre ogni sera. Quasi un servizio pubblico, indispensabile per tanti di noi. Ci piace viverlo, vederlo dal vivo, consapevoli che il posto a destra,  a sinistra, o centrale, ci offrirà una rappresentazione sempre un po’ diversa. Forse perchè è il riflesso della nostra fragilità, ora più che mai amplificata…
Commenti

Emergenza Coronavirus. Il Piccolo Teatro di Milano diventa [email protected]

Per mantenere il legame con il suo pubblico e con tutti i cittadini durante l’emergenza, il Piccolo Teatro di Milano ha pensato ad una piccola metamorfosi da corona virus: diventa [email protected], on line sulla PiccoloTv. [email protected], il teatro in streaming nelle case degli italiani Da sabato 21 marzo 2020 e per tutta la durata della sospensione delle attività, sarà possibile rivedere,…
Commenti

“Quell’umano che si fa ogni sera” …social

“Quell’umano che si fa ogni sera”, come amava definire Strehler il teatro, sta cercando di sopravvivere alla grande chiusura del corona virus con tante iniziative . Lo fa per “continuare ad andare in scena” , nonostante la chiusura delle scene, con contributi a volte personali, a volte collettivi. Servendosi in primo luogo di internet e dei suoi canali social o…
Commenti

Antigone, disobbedienza civile al femminile

Laura Sicignano firma la regia di Antigone, al Teatro Carcano di Milano dal 20 febbraio a domenica 1 marzo 2020. Colpisce come sempre l’attualità del testo. Al centro c’è il dissidio tra diritto e legge, giustizia e legalità, legge non scritta degli dei e legge umana. Antigone è infatti la disobbedienza civile davanti ad una legge che invece di limitare…
Commenti (1)
Pagina 1 di 8412345...102030...Ultima »