Raffaella Roversi
Raffaella Roversi

Biografia

Ho vissuto da piccola in Africa, a Lusaka. Quegli spazi dilatati e quei colori, forti, accesi, ancestrali, sono rimasti dentro me. Amo le grandi stanze dagli alti soffitti, l’immensità dello spazio intorno a me, tele bianche da riempire di colori e fogli immacolati da riempire di parole. Mi sono laureata con lode in legge a Roma, mia città natale; dopo un corso di specializzazione, sono partita con due borse di studio alla volta di Lussemburgo e Bruxelles. Non sono più tornata, passando 15 anni tra Bruxelles e Monaco di Baviera, città dal profumo mitteleuropeo. Mi piace quella parte di Europa, la lingua di Voltaire e quella di Goethe. Ma che piacere ritrovare la mia, con i colori e profumi dei suoi dialetti! Al teatro mi sono avvicinata dopo un grande patatrac affettivo. Avevo creduto che la vita fosse una cosa molto seria, per persone serie, tutte d’un pezzo. Poi tutto è crollato e del mio bel mosaico non è rimasta che qualche tessera scolorita che sembrava per giunta di un altro mosaico, di un’altra vita, non di quella che avevo creduto vivere. E così, per non farmi travolgere dalla mia storia, ho cominciato a guardare le storie degli altri su un palco. Ed è cosi che sono arrivata alla conclusione che la vita è un gran bel teatro e il teatro è vita. È questo che vorrei condividere con voi: l'emozione, la finzione, la verità del teatro, o, se volete, della vita!

Articoli

L’Uomo seme, la forza ancestrale, passionale e selvaggia delle donne

Sonia Bergamasco porta al Triennale Teatro dell’Arte di Milano sino al 21 gennaio 2018, il suo lavoro declinato al femminile prodotto insieme al Teatro Franco Parenti (Milano): L’uomo seme. É tratto da un piccolo ed evocativo racconto dalle origini alquanto misteriose. Sembra infatti che sia stato scritto nel 1919 da una certa Violette Ailhaud, una donna francese pochi anni prima…
Commenti

L’Ombra che non c’è: la Giornata dei Migranti a Vimodrone

Domenica 14 gennaio 2018, la Chiesa Cattolica ha celebrato la “Giornata mondiale dei migranti”. L’obiettivo, lungi dall’essere celebrativo, è stato quello di creare momenti di incontro e riflessione con la cittadinanza per sviluppare prassi di accoglienza e integrazione. Il Comune di Vimodrone, col suo Sindaco Dario Veneroni, in collaborazione con la Caritas cittadina e il gruppo che si occupa del…
Commenti

Sorelle Materassi, la cattiveria ironica e leggera di Palazzeschi

Sino al 29 gennaio 2018, al Teatro Franco Parenti di Milano, è in scena Sorelle Materassi, romanzo di Aldo Palazzeschi, pubblicato nel 1934. L’ adattamento è di Ugo Chiti che restituisce nella narrazione in dialetto toscano, quel sorprendente miscuglio di pathos e ironia, grottesco e pietà che contraddistingue questa opera. La bella scena di Roberto Crea ci mostra l’interno ordinato…
Commenti

Utøya, frammenti di una strage

Utøya è un’isola nel lago Tyrifjorden in Norvegia. È di proprietà della Lega dei Giovani Lavoratori (Arbeidernes Ungdomsfylking), associazione giovanile del Partito Laburista (socialista), che nell’isola organizza campi estivi di formazione. Il 22 luglio 2011, durante uno di questi raduni, un uomo norvegese di circa 30 anni travestito da poliziotto, Anders Breivik, ha ucciso, sparando con lucidità e volontà, 69…
Commenti

Il sindaco del Rione Sanità, il sogno di un mondo quadrato

Dal 9 al 28 gennaio al Piccolo Teatro Grassi di Milano, va in scena Il sindaco del Rione Sanità, la commedia di Eduardo De Filippo del 1961. É inserita nel ciclo di La cantata dei giorni dispari, una raccolta di opere dai toni comici e drammatici, su un pessimismo di fondo, scritte dal 1945 al 1973. C’è stata la seconda…
Commenti
Pagina 1 di 4612345...102030...Ultima »