Errori nel 730 Precompilato: al vaglio le possibili soluzioni

Errori nel 730 Precompilato: al vaglio le possibili soluzioni

fiscoPer i contribuenti che hanno già trasmesso il 730 Precompilato il rischio di errore è così elevato da rendere quella che doveva essere una semplificazione fiscale una vera e propria arma a doppio taglio, che rischia di complicare ulteriormente la dichiarazione dei redditi. Non tutte le omissioni e le inesattezze, però, rilevano nella stessa misura. Le mancanze più frequenti e più significative riguardano i giorni necessari per il calcolo delle detrazioni da lavoro o da pensione: a causa di un errore del sistema, i redditi sono indicati senza il numero dei giorni.

Meno gravi, invece, sono le lacune che riguardano le deduzioni dei contributi per colf e badanti, le quali incidono per cifre esigue. Sono già al vaglio dei rappresentanti dell’Agenzia delle Entrate, Inps e Caf possibili interventi dopo i primi dati di criticità rilevati. La soluzione migliore sembra essere quella che prevede che l’Agenzia delle Entrate si faccia carico di segnalare via mail ai contribuenti interessati che il modulo del 730 precompilato è stato trasmesso privo di indicazioni necessari. Il secondo passaggio impone poi lo studio di una soluzione per permettere di correggere gli errori.

In questa prospettiva le ipotesi sul tavolo sono tre: permettere l’annullamento della dichiarazione inviata e la ripresentazione della stessa tramite un Caf o un intermediario abilitato; riaprire ex novo la precompilata e permettere al contribuente di inviarla di nuovo, anche autonomamente; comunicare al contribuente la possibilità di optare per il 730 integrativo entro il 26 ottobre o per un modello Unico correttivo. Per la prossima settimana è in programma un altro incontro tra l’Agenzia delle Entrate, Inps e Caf.

Intanto, il presidente dell’Inps, Tito Boeri, ha cercato di gettare acqua sul fuoco parlando di problemi di rodaggio che si sta cercando di risolvere a breve. Si inseguono voci su una possibile proroga delle scadenze di una settimana, con il termine ultimo di invio della dichiarazione dal 7 luglio al 14 luglio.

Giuseppe Ferrara
20 maggio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook