Fatturazione elettronica: “Spiraglio per una semplificazione fiscale”

Fatturazione elettronica: “Spiraglio per una semplificazione fiscale”

arton19609Positive le reazioni alle novità previste dal Decreto legislativo di trasmissione telematica delle operazioni IVA e di controllo delle cessioni di beni effettuata attraverso distributori elettronici (fatturazione elettronica), di recente approvato dal Consiglio dei Ministri. Semplificare gli adempimenti, liberare le imprese da inutili obblighi, garantire certezza del diritto nei rapporti tra fisco e contribuenti sono gli obiettivi posti dal governo con il varo del suddetto provvedimento, che si affianca ad altri due decreti attuativi della delega fiscale. Tra le novità più importanti, spicca la fatturazione elettronica estesa ai rapporti tra imprese e privati.

“Dal primo gennaio 2017, le imprese potranno decidere di utilizzare la fattura elettronica anche verso altri soggetti privati e, contemporaneamente, di trasmettere on line all’Agenzia delle Entrate tutte le fatture emesse e ricevute e le relative variazioni – spiega il gruppo di presidenza Confartigianato Federimpresa Cesena – . Chi, oltre a trasmettere telematicamente le fatture, invierà anche il dato dei corrispettivi sarà liberato da una serie di obblighi: spesometro, comunicazioni black list, modelli Intrastat su acquisti di beni e servizi, oltre a vedere accelerati i rimborsi Iva entro tre mesi dalla richiesta. Per le piccole imprese viene meno anche l’obbligo di apporre il visto di conformità e la presentazione della garanzia prevista per i rimborsi Iva”.

“Si tratta di una svolta positiva perché attraverso queste modalità trasparenti e di trasmissione digitale dei dati le imprese possono ricavare benefici – aggiunge l’associazione -. Confartigianato aveva chiesto che questi adempimenti non fossero obbligatori, ma che la decisione delle imprese di utilizzare queste modalità operative fosse legata a benefici. Il Governo è andato nella direzione da noi sollecitata. Un cambio di passo, certo, che però non esaurisce le attese degli artigiani e dei piccoli imprenditori sul fronte della snellimento della burocrazia e della riduzione delle tasse”.

Giuseppe Ferrara
28 aprile 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook