Pressione fiscale e deficit in aumento nel terzo trimestre 2014

Pressione fiscale e deficit in aumento nel terzo trimestre 2014

soldi_bollette-300x225Pressione fiscale al 40,9% nel terzo trimestre 2014, con un aumento dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. A comunicarlo è l’Istat, che sottolinea però come, considerando nel complesso i primi tre trimestri dell’anno in corso, il peso del Fisco si sia attestato sul 40,7%, facendo registrare un calo di 0,2 punti percentuali rispetto al medesimo periodo del 2013 (le diminuzioni sono concentrate esclusivamente nei primi due trimestri).

Aumenta anche il rapporto deficit/Pil, che nel terzo trimestre del 2014 ha raggiunto il 3,5%, 0,2 punti percentuali in più rispetto allo stesso periodo dell’anno passato. Sempre secondo l’Istituto nazionale di statistica, nei primi tre trimestri il rapporto è stato pari al 3,7%, con un peggioramento di 0,3 punti percentuali rispetto al corrispondente periodo del 2013. Nel terzo trimestre 2014, le uscite totali sono incrementate, in termini tendenziali, dello 0,8%. La loro incidenza rispetto al Pil è stata del 48,0% (47,4% nel corrispondente trimestre dell’anno precedente). Le uscite correnti hanno segnato un incremento dello 0,2% (+1,2% al netto della spesa per interessi), quelle in conto capitale dell’8,0%. Nei primi tre trimestri del 2014, sono state registrate uscite totali in misura pari al 48,7% del Pil, un rapporto invariato rispetto al corrispondente lasso di tempo dell’anno precedente. Con riferimento alle entrate, esse nel terzo trimestre dell’anno in corso sono salite complessivamente, in termini tendenziali, dello 0,4%; la loro incidenza sul Pil (44,5%) è aumentata di 0,4 punti percentuali rispetto al corrispondente trimestre del 2013. Nei primi tre trimestri del 2014, invece, le entrate sono calate, in termini tendenziali, dello 0,7%, con un’incidenza sul Pil del 45,0%, mentre nel corrispondente periodo del 2013 la stessa era pari al 45,3%.

Infine, l’Istat sottolinea come l’indebitamento delle amministrazioni pubbliche e le spese per interessi passivi siano diminuite del 7,8% nel terzo trimestre 2014, mentre sono state registrate in aumento le prestazioni sociali in denaro che, con il bonus da 80 euro, hanno segnato un incremento del 4,1%.

Giuseppe Ferrara
9 gennaio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook