Pescara: una rete di servizi per il trattamento e la riabilitazione dei soggetti affetti da autismo e disturbi generalizzati dello sviluppo

Regione Abruzzo e Ministero della Salute uniti in un progetto sperimentale

Come annunciato dal Commissario alla Sanità Gianni Chiodi, partirà in Abruzzo un progetto sperimentale della Regione Abruzzo cofinanziato dal Ministero della Salute.
Le finalità di tale progetto sono:

dare continuità’ ai servizi di diagnosi e terapia riabilitativa per i pazienti e le loro famiglie;  favorire l’inserimento /reinserimento nella vita familiare, lavorativa e sociale;
fornire consulenza medica e psicopedagogica alle famiglie dei pazienti;
monitorare punti di debolezza nel territorio;
favorire l’integrazione nella scuola e nel mondo del lavoro dei pazienti autistici.
Oltre 3 milioni di euro lo stanziamento ministeriale più la quota regionale di 1,5 milioni di euro.
Gianni Chiodi ha spiegato alla stampa che il progetto si prospetta:
“come un centro dinamico ed attivo della comunità’ locale, nel senso che qui si raccoglie la domanda dei pazienti e dei loro familiari e qui si danno le risposte di assistenza, nelle forme e nei luoghi più’ appropriati”.
”Solo una diagnosi tempestiva- continua il commissario Chiodi – rende possibile migliorare la gestione del disturbo, nel tentativo di un possibile inserimento o reinserimento sociale e familiare dei pazienti.
Andiamo a colmare una lacuna sul piano della uniformità’ di interventi nel disagio mentale, che impatta anche sulla precocità’ dell’intervento sul paziente, spesso minore, verso il quale la cura viene spesso somministrata in fase di avanzata malattia”.
Praticamente il Centro regionale di Riferimento per l’Autismo costituirà una rete assistenziale per interventi univoci, in grado di raggiungere, con quelle che il Piano sanitario regionale 2008-2010 definisce buone pratiche, i pazienti da trattare.
Sarà cura di ciascuna Asl competente per territorio intervenire direttamente sulla disabilità  attraverso i Csm o Dsm, oppure per mezzo di convenzioni con Enti no profit oppure Enti locali.
“Vale la pena sottolineare – conclude il commissario Chiodi – che il progetto nasce da un atteggiamento pro attivo degli uffici dell’Assessorato, in particolare il Servizio programmazione sanitaria-Ufficio progetti obiettivo perché hanno saputo offrire al sistema sanitario regionale un’offerta assistenziale ulteriore, rispetto alla programmazione standard dei progetti obiettivo”.
Parole chiave: pescara, ministero della salute, regione abruzzo, autismo, commissario gianni chiodi, asl, assessorato.

Andrea Marasea

27 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook