Gissi: individuato il responsabile dell’incendio di dicembre 2011 a le auto del camorrista Lorenzo Cozzolino

Già agli arresti gli è stato notificato un altro ordine di cusstodia cautelare emesso dal gip di Vasto

Lino Croce di 43 anni di Gissi si trovava già nel carcere di Lanciano perché tra i 63 ricercati nella vasta operazione antidroga denominata “Tramonto” conclusasi nei giorni scorsi a Vasto.

Si ricordano brevemente i fatti:  la sera dell’11 dicembre scorso all’interno di un parcheggio privato in frazione Rosario alle 21.30, venivano incendiate una Fiat 500 e una Citroen C2 di proprietà rispettivamente della figlia e della sorella del pregiudicato Cozzolino, mettendo  in pericolo anche l’incolumità degli altri inquilini presenti all’interno dell’edificio ed altre automobili parcheggiate.
L’individuo è stato denunciato ulteriormente alla Procura della Repubblica di Vasto come individuo pericoloso in ambito sociale, le indagini avrebbero fatto appurare il gesto doloso sarebbe stato innescato contrasti di gestione di affari illeciti tra l’arrestato e la famiglia Cozzolino.
Si ricorda, inoltre, che il boss napoletano Cozzolino si trova in carcere dal 22 novembre insieme alla consorte per detenzione di stupefacenti ai fini di commercio illegale.

di Loris Tarli

15 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook