Roberto Straccia: nuove segnalazioni, gli amici tornano a Pescara

Oggi è il compleanno di Roberto, uno striscione per fargli gli auguri

PESCARA: si rimane senza parole di fronte a situazioni del genere, viene davvero da pensare a qualche evento extraterrestre.
Un ragazzo e’ sparito nel nulla a Pescara, sempre più frequenti sono le segnalazioni di persone che lo avrebbero avvistato in varie città d’Italia; il rischio è di un vero e proprio caos nelle segnalazioni.

Un autotrasportatore lo avrebbe avvistato su un traghetto partito da Civitavecchia il giorno di Natale.
Il padre non ci crede e dice: “se voleva fare una vacanza non se la faceva in pantaloncini corti e k-way”, anche la mamma è d’accordo: “E’ impossibile”.
Gli amici si sono dati appuntamento alle 8.30 davanti ad un ingresso della pineta dannunziana, sul lungomare Colombo.
Alle 8.45 arriva anche il padre, saluta frettolosamente tutti e va a prendere la mamma. Porta con se uno striscione arrotolato con la scritta ‘Buon compleanno Roberto. Ti aspettiamo’ che viene poi srotolato sul  prato davanti alla pineta e  appeso al Ponte del Mare.
Anche il sindaco di Moresco Amato Mercuri per la quarta volta negli ultimi quindici giorni si è spostato fino a Pescara per coadiuvare le ricerche: “Esclusa l’ipotesi che lo abbiano rapito gli alieni si è già detto tutto” espone demoralizzato il primo cittadino della cittadina marchigiana, “la paura è di ritrovare Roberto senza vita e non scoprire mai cosa gli sia accaduto veramente.
Siamo 650 abitanti, praticamente una famiglia allargata., tutti mi chiedono novità su questa sparizione misteriosa ma purtroppo le novità non ci sono. Ogni volta che giro per il paese o che entro in un negozio qualcuno mi ferma per capire se si può ancora sperare”.
Il comune di Moresco ha annullato varie manifestazioni natalizie perché non c’è lo stato d’animo generale per festeggiare nemmeno il Natale. Il sindaco conferma pubblicamente che l’ipotesi meno possibile è quella del suicidio: «non era il tipo. Poi ha una famiglia straordinaria».

di Andrea Marasea

28 dicembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook