Esordisce una nuova coalizione in Consiglio Regionale propositi eccellenti risultati auspicati

di Andrea Marasea

L’AQUILA.   Il “Polo per l’Abruzzo”, ultimo intento di intesa politica nato da Udc, Fli e Api.

Berardo Rabbuffo (Fli), Daniela Stati (Fli), Antonio Menna (Udc) e Gino Milano (Api) sono i quattro consiglieri regionali che hanno aderito al recente progetto politico. Nasce una Federazione tra partiti contemplata  dal nuovo ordinamento del Consiglio Regionale.
Dichiara Berardo Rabbuffo, neocapogruppo di Fli – Siamo forze politiche analoghe, di area moderata, e insieme abbiamo l’intenzione di sostenere un cammino che ha come obiettivo quello di rendere migliore la politica regionale. Siamo contrari, infatti, alla politica autoreferenziale che la attuale maggioranza ha fino a questo momento sostenuto in alcuni settori cruciali come la sanità o la scuola.

 

Non abbiamo capito, difatti, se questa maggioranza sta tagliando o rimodulando i servizi sul territorio. Il Consiglio regionale è stato estromesso da ogni decisione. Concludendo sempre Rabbuffo asserisce: Alla luce di ciò  presenteremo a breve una proposta per permettere all’Assemblea Regionale di tornare ad occuparsi dei problemi della sanità-.
Siamo la prima regione dove si concretizza questo laboratorio politico di area moderata – afferma il Capogruppo dell’Udc,  Antonio Menna, il quale parla della nascita di un laboratorio politico in Italia. -Non abbiamo ancora costituito un gruppo consiliare perché non abbiamo gli elementi necessari e i tempi non sono ancora maturi. Ma lo faremo presto. Vogliamo lavorare per migliorare la qualità legislativa: meno leggi, ma buone. Ci occuperemo di Welfare, servizi sociali, occupazione e soprattutto andremo a riequilibrare il territorio: molte aree interne non hanno la giusta attenzione. Come Federazione saremo all’opposizione. Oggi registriamo lo sfascio di questa maggioranza: non ha progettualità. Il Presidente del Consiglio Regionale dovrà dialogare con il “Polo per l’Abruzzo” e non più con i singoli partiti. Alcuni consiglieri regionali ci guardano con attenzione.

-Questa esperienza politica nasce senza tagliare i distinguo interni, ma, sono convinto, crescerà più forte dei partiti – aggiunge Milano – Nella federazione faremo insieme un itinerario comune, affrontando i veri problemi dell’Abruzzo. Pensiamo al Welfare, alle fasce più deboli.-

Come Federazione – dichiara il capogruppo di Api Gino Milano – il Nuovo Polo per l’Abruzzo è una forza politica fresca e forte.– presenteremo anche una proposta di legge regionale a sostegno dell’emittenza locale.-

Tali dichiarazioni sono auspicabili fortemente da tutta la popolazione aquilana seriamente provata dal sisma del 2009, dal quale la città dell’Aquila non riesce a trovare  una soluzione per la conservazione del proprio centro storico rimanendo fortemente mutilata dei propri servizi e valori architettonici. La redazione 2duerighe  Abruzzo si augura fortemente che tale coalizione politica possa portare ad una svolta risolutiva per l’intera regione.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook