Montesilvano: due arresti per stalking e rapina

MONTESILVANO. V.P. 41anni di Pescara è stato arrestato dai Carabinieri di Loreto Aprutino per i reati di: stalking , violazione di domicilio, lesioni, minacce, ingiurie, violenza privata e danneggiamento.
Tentando di riprendere una sua relazione sentimentale con una donna di 31 anni di Loreto Aprutino l’uomo ha cominciato a porre in atto una vera e propria persecuzione telefonica dapprima con sms, poi con telefonate assillanti ad ogni ora del giorno e della notte costringendo la donna a tenere spento il telefono cellulare per molte ore al giorno.

Nel mese di agosto viene segnalato dalla donna un comportamento violento e oltremodo incivile, l’uomo raggiunse la donna in spiaggia  rompendole il telefono, sbraitando le spense una sigaretta su una spalla.

Altre volte ha danneggiato la serratura della abitazione della donna inserendo della colla istantanea nella serratura allo scopo di infastidirla e di non farla rientrare nell’appartamento, altre volte l’ha inseguita in automobile costringendola a brusche fermate e rompendole lo specchietto retrovisore, per poi introdursi senza permesso nell’abitazione della donna picchiandola e  provocandole delle lesioni.
Ha proseguito nel tempo con le telefonate ingiuriose, minacce e maleducazioni varie.
Esasperata la donna si è rivolta ai carabinieri di Loreto Aprutino che dopo aver effettuato gli accertamenti non hanno potuto fare altro che confermare la versione della vittima consegnando le accuse al pm Gennaro Varone.
Il gip Gianluca Sarandrea ha disposto quindi l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari per l’uomo, che dopo la notifica del provvedimento, è stato accompagnato nella propria casa di Pescara.
Ma cosa ci troveranno le donne in tipi così? (ndr)
Atro arresto ieri sera intorno alle 20.00:
V.D.S.40 anni residente a Montesilvano, dopo aver preso alcune bottiglie di liquore e altre confezioni di cosmetici presso il supermercato di via Adige li ha nascosti sotto la giubba, recandosi alle casse per pagare solo una bottiglia di birra.
Constatato ciò il direttore del negozio gli ha domandato di seguirlo nel proprio ufficio, l’uomo lo ha strattonato tentando la fuga.
Dopo una breve colluttazione subito sedata dal veloce intervento della pattuglia del Nucleo Radiomobile dei Carabinieri V.D.S.  E stato arrestato per rapina e lesioni inferte al direttore del supermercato giudicate guaribili in 5 giorni, dopodiché è stato processato per direttissima.

di Andrea Marasea

25 novembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook