Chieti: nuove assunzioni e premialità nell’accordo siglato alla Sevel di Atessa dopo la visita dell’A.D. della Fiat, Marchionne

di Patrizia Tarli

Nei giorni scorsi lo stabilimento Sevel di Atessa è stato teatro di un importante accordo – in occasione dei festeggiamenti per i trent’anni della Sevel in Abruzzo presente anche l’amministratore delegato del gruppo Fiat, Sergio Marchionne.

Buone prospettive per l’azienda nell’accorso siglato tra i sindacati e i dirigenti della Sevel – il quale prevede un aumento di produzione dei furgoni Ducato, che dovrà raggiungere le 224 mila unità entro la fine dell’anno; contestuale assunzione di 250 operai interinali del luogo, con corrispondente diminuzione dei lavoratori in trasferta da altre aziende Fiat che stanno usufruendo della CIG.

Nell’accordo regolamentati anche straordinari e premi di produzione, a tutti coloro che hanno lavorato almeno un tot di ore nel corso del 2011 verrà riconosciuta un’indennità a titolo di riconoscimento da parte dell’azienda per il loro impegno.

“premialità” e “nuova occupazione” – questi i punti cardine dell’accordo siglato con le parti sindacali, esclusa la Fiom, che ha così commentato: “Si tratta di un sistema di premialità che discrimina i lavoratori e che mette nell’impossibilità di accedere al premio chi è in maternità, 104 o part-time” – inoltre, prosegue il segretario provinciale Marco Di Rocco – “è positivo che siano attinti dal territorio 250 lavoratori, ma sostituiscono di fatto i 300 trasfertisti di Pomigliano e questo non aiuta il raggiungimento degli obiettivi: Fiat paga solo se si arriva a 224mila furgoni, non uno di meno”.

Posizione completamente diversa quella dei rappresentanti di Uilm e Ugl – “Siamo soddisfatti! Perché con l’accordo c’è certezza della crescita produttiva e occupazionale. Finalmente si parla di assunzioni locali dando una risposta ai disoccupati del nostro territorio. E in più, la scelta della Sevel di riconoscere i sacrifici degli operai per il 2011, anche con pochi euro, significa segnare il passo con gli altri stabilimenti della Fiat, dove non è stato riconosciuto nessun premio di risultato” – ha dichiarato il segretario della Uilm, Nicola Manzi.

Altrettanto favorevole il commento nella nota congiunta del segretario nazionale e segretario provinciale Ugl Metalmeccanici, Antonio D’Anolfo e Pasquale di Santo, secondo cui: “Quello alla Sevel di Val di Sangro è un accordo importante, che garantisce aumenti in busta paga per i lavoratori e nuove assunzioni per i giovani. Visto il contesto delicato che attraversa il Paese, possiamo definirlo un risultato molto positivo, che introduce ottime novità “.

14 settembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook