Al via la terza edizione del Festival “La Canzone Del Sole” dedicato al paroliere di Lucio Battisti e cittadino onorario Giulio Rapetti

di Andrea Marasea

Il Premio Mogol, un legame indissolubile con la città di Silvi

Ecco che riparte l’edizione “La Canzone del Sole – Premio Silvi, città di Mogol” per la Canzone Popolare Italiana. Si svolgerà a Silvi, in piazza dei Pini, domani sera23 agosto.

In sole due edizioni è diventata una delle manifestazioni canore di maggior rilievo del centro Italia, trampolino di lancio peri giovani talenti di ogni parte d’Italia.

i sei finalisti meritevoli si esibiranno nella serata di Silvi davanti alla giuria presieduta dal Maestro Giulio Rapetti  in arte Mogol, al critico musicale Dario Salvatori, allo scrittore Massimo Cotto.

Testimone regiopnale immancabile della manifestazione Germano D’Aurelio detto N’duccio, e presentatore ed intrattenitore della serata insieme a Dario Salvatori.

I sei finalisti meritevoli sono: Giuliano Campoli di Veroli (Frosinone) con la canzone “Libera”; Elisa Casile di Asti con “Orchidee”, Mario Cianchi di Grosseto con “Buona Fortuna”, Chiara Izzi di Campobasso con “Via di qua”; Michela Di Ciocco di Fano (PU) con “In Trasparenza” ed Eliana Tumminelli di Roma con “Il formicolaio”.

Verranno offerte in premio due borse di studio del Centro Europeo di Toscolano (CET), istituto d’eccellenza per autori e musicisti fondato dal Maestro Mogol.

Come ha raccontato Germano D’Aurelio in arte N’duccio: “Mogol scrisse nel 1991 La Fila degli Oleandri che Gianni bella portò al Festival di Sanremo e parlava di un lungomare con oleandri che percorreva in bici per andare al mare. Addirittura, come ricordò qualche anno fa lui stesso, fu Silvi ad ispirarlo per La Canzone del Sole. Da lì ripartì tutto: la cittadinanza onoraria a Mogol e poi la creazione del festival”.

Il sindaco della città di Silvi, invece, ha ricordato invece: “la persona intelligente e sensibile che è il Maestro Mogol legato all’Abruzzo e Silvi nell’anima. Speriamo sempre che da questo festival esca fuori una promessa, un cantante dalle belle speranze che possa andare lontano, ed è per questo che bisogna puntare sul festival che è un vanto per Silvi ma anche per l’intera regione.”

Pezzi unici, degni rappresentanti d’Abruzzo nel mondo….

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook