Abruzzo: La Regione incentiva l’occupazione giovanile con i corsi di formazione bottega scuola

Loris Tarli

Così come disposto dalla legge regionale 23/2009 la regione si preoccupa di incentivare l’occupazione giovanile con corsi di formazione nel settore dell’artigianato – bottega scuola. La Regione, riconosce al settore dell’artigianato un ruolo di primaria importanza ai fini della tutela, dello sviluppo, della valorizzazione economica e sociale del territorio e del sostegno all’occupazione. La “Bottega scuola” si occuperà di proporre corsi di formazione che avranno durata triennale , una formazione teorica e pratica sotto la responsabilità del titolare bottega scuola – durante la fase di apprendimento gli studenti riceveranno quello che è stato definito un presalario.

Al termine del triennio di formazione è attribuito a ciascun allievo l’attestato di qualifica valido ai sensi dell’art. 14 della legge 21 dicembre 1978, n. 845 (Legge quadro in materia di formazione professionale).

La modalità di erogazione dei finanziamenti è la seguente: la Giunta Regionale concede contributi alle imprese artigiane e consorzi di imprese artigiane, aventi sede nel territorio della Regione, che assumono giovani lavoratori – ai fini della presente legge l.r. 23/2009 sono considerati giovani lavoratori quelle persone che, alla data dell’assunzione, non hanno ancora compiuto il 35° anno di età. Per ciò che concerne il riferimento ad altri aiuti alla trasmissione d’impresa e alla “creazione di impresa” o “ start-up” ed interventi diretti,  la copertura finanziaria dei progetti accettati è assicurata dalla Regione in misura non inferiore al 60% – sono ammesse a finanziamento anche le iniziative atte a favorire la continuità delle imprese artigiane, tramite il trasferimento di proprietà di un’impresa da un titolare ad un altro.

Nella legge suddetta si fa riferimento anche all’accesso al credito per le imprese artigiane, prevedendo interventi a sostegno dei consorzi di garanzia collettiva fidi. Possono beneficiare dei benefici per l’accesso al credito i consorzi con attività esterna, le società cooperative, le società consortili per azioni, a responsabilità limitata o cooperative, che svolgono l’attività di garanzia collettiva dei fidi, e cioè la prestazione di garanzie in favore delle imprese consorziate o socie, attraverso l’utilizzazione delle risorse provenienti in tutto o in parte dalle stesse, volte a favorire l’erogazione di finanziamenti da parte delle banche e degli altri soggetti operanti nel settore finanziario. Importante novità riguarda l’istituzione dell’Osservatorio regionale per l’artigianato presso la direzione sviluppo economico della Giunta Regionale – al quale, tra i vari incarichi, viene riconosciuto quello di promuovere e coordinare l’elaborazione di programmi promozionali, per favorire la pubblicizzazione e la commercializzazione dei prodotti e dei servizi dell’artigianato abruzzese, oltre alla conquista di nuovi segmenti di mercato.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook