Chieti – In Agro, nel Comune di Lettopalena, si sta realizzando un ecomostro

di Loris Tarli

La strada verso la produzione distribuita dell’energia è imboccata ed il mercato ha ancora notevoli margini di espansione a patto che gli impianti trovino condivisone sul territorio: ciò è possibile attraverso norme chiare e la partecipazione delle comunità locali. I dati rivelano un record delle rinnovabili, che nell’anno 2010 hanno prodotto un quinto dell’energia elettrica.

I costi dell’impianto, costituito da pannelli fotovoltaici che occuperanno circa undici ettari di terreno, si dovrebbero attestare sui 10milioni di euro. Per farsi un’idea dell’impatto ambientale che ci potrà essere si pensi che il sito è posto vicino al Parco della Majella, oltre ad essere area PATOM (Piano d’Azione per la Tutela dell’Orso Marsicano) e a trovarsi nell’area interna dei Monti Pizzi.

Per salvaguardare e tutelare dalla speculazione e dalla colonizzazione più selvaggia il patrimonio ambientale e paesaggistico della Provincia, è stata presentata un’interrogazione al Presidente della Provincia di Chieti al quale si chiede quali iniziative vuole attuare per evitale quello che viene definito un “ecomostro”- il quale verrebbe realizzato in un luogo che vive prevalentemente di turismo per le famiglie, boy scout, campeggiatori.

Bisogna comunque  ricordare che l’impianto ha già superato la V.I.A ( Valutazione di Impatto Ambientale), tuttavia considerato che l’area interessata è sita nei Monti Pizzi – area di straordinario pregio naturalistico – non è dato sapere i motivi per i quali “l’ecomostro” abbia superato positivamente la valutazione, poiché le conseguenze che si verificheranno saranno decisamente negative per l’ambiente e l’economia del luogo.

Il Comune di Lettopalena in merito a questo progetto è un ente concedente, mentre concessionaria è la Lettopalena energia srl con sede locale a Roma e l’impresa appaltatrice è la Gransolar Ghella srl, spagnola – ecco, quindi, che comunque si dovranno rispettare criteri di eco-compatibilità che pare si stiano tralasciando.

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook