Chieti – Avvocato foggiano muore dopo aver salvato il figlio in balia delle onde

di Patrizia Tarli

Nella mattinata di ieri la costa vastese è stata teatro di una tragedia – verso le 12 l’avvocato originario di Foggia di 53 anni, Antonio Lancianese, ha trovato la morte sulla spiaggia dopo che si era gettato in mare per salvare il figlio di 12 anni che annaspava tra le onde.

La famiglia composta dall’avvocato, la moglie originaria di Lanciano e il figlio stava trascorrendo una giornata di mare in uno stabilimento balneare situato a Vasto Marina quando il padre si accorge del figlio in balia del mare grosso– si precipita a salvarlo con l’aiuto del bagnino ma una volta arrivato sulla spiaggia si accascia privo di sensi.

Il 12enne è stato trasportato d’urgenza all’ospedale di San Giovanni Rotondo, mentre il professionista 53enne non si è più ripreso – i soccorsi arrivati tempestivamente sul luogo della tragedia non hanno potuto fare altro che constatare la morte dell’uomo.

Increduli i passanti e la moglie, un’insegnante di 54 anni, che in un primo momento avevano pensato ad una tragedia sfiorata e si sono poi trovati di fronte al corpo privo di vita del professionista.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook