Davanti alle sedi Equitalia volantini con la scritta “ Vietato l’ingresso – chiuso per istigazione al suicidio”

di Loris Tarli

“ Vietato l’ingresso – chiuso per istigazione al suicidio” – questa la scritta seguita dal logo del movimento Forza Nuova impressa sui volantini con cui i rappresentanti del movimento hanno tappezzato la sede di Equitalia.

Così hanno trovato le sedi delle agenzie Equitalia gli impiegati di Pescara, Teramo, Chieti, Lanciano e Vasto: “Un messaggio forte, che vuole evidenziare un perverso meccanismo di calcolo delle sanzioni da parte di Equitalia che presenta evidenti falle e che rischia di portare al collasso un’intera nazione” – scrive in un comunicato il coordinatore regionale di Forza Nuova, Mario Forconi – “ colpendo in maniera ingiustamente chirurgica le piccole e medie imprese e decine di migliaia di famiglie ‘colpevoli’ di possedere una casa di proprietà”.

La manifestazione è stata organizzata da Forza Nuova per essere idealmente vicina a tutte quelle associazioni e cittadini che hanno manifestato a Roma proprio contro le cartelle ritenute ingiuste della società Equitalia –  si reclama l’inviolabilità della prima casa e dei mezzi di lavoro delle imprese,  nonché il ritiro dell’art. 29 del decreto Legge 78 (con il quale dal 1° luglio Equitalia potrà pignorare stipendio, casa e risparmi entro 60 giorni da una semplice notifica) e, soprattutto, l’istituzione di un fondo di solidarietà permanente costituito dalla tassazione degli utili bancari.

 

Il dramma dei suicidi per insolvenza in periodi di crisi aumenta se le istituzioni non si sensibilizzano e non si mobilitano per istituire fondi di solidarietà vera e immediata. Equitalia, quale agente per la riscossione, ha la possibilità di riscuotere coattivamente in caso di inadempimento di obblighi fiscali anche per il tramite di iscrizioni di ipoteche ed effettuazione di  pignoramenti, in nome e per conto del fisco – Forza Nuova ha voluto sottolineare come il regime attuato da Equitalia sia da considerarsi eccessivamente gravoso e insensibile.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook