Vacche maltrattate. Si apre un inchiesta

di  Cinzia Albertoni

Scoppia la polemica. Dopo il video girato al Foro Boario di Vicenza Est sugli strazianti maltrattamenti infieriti alle vacche da macello e mostrato il 14 novembre su “Striscia la notizia”, sul caso si è aperta un’inchiesta.
Il governatore del Veneto Luca Zaia ha dichiarato: “ Tolleranza zero. Non esiste che l’immagine della zootecnica veneta sia quella collegata ad animali vivi con le gambe spezzate, caricati sui camion con la pala di una ruspa….. I Veneti non sono questi e lo dico a difesa dei tanti allevatori per bene della nostra regione…”. L’assessore alla Sanità rincara: “Valutiamo la possibilità che la Regione si costituisca parte civile”. L’indignazione pubblica è giustamente corale.

Ai quotidiani locali fioccano lettere di cittadini infuriati per le sofferenze inflitti ai bovini e preoccupati perché la carne non è più sicura dal momento che qualche veterinario senza coscienza e senza scrupoli partecipa alla disonesta operazione. Bestie ammalatesi perché costrette a una iper-produzione di latte, giacenti a terra con le ossa fratturate, caricate sui camion con mezzi che le massacrano, vengono portate alla macellazione in stato di shock. Non ci sono commenti. Neppure l’espressione “carne da macello” suggerisce tanta spietatezza.

16 novembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook