Ue, Commissione e Bce: “Piano di assistenza alle banche spagnole di successo, ma restano criticita'”

La Commissione e la Banca centrale europea, attraverso una nota congiunta, hanno definito in termini complessivamente positivi il piano di assistenza finanziaria al settore bancario spagnolo, indicato come “programma coronato da successo la cui attuazione è sul binario giusto”. La missione di valutazione del piano, compiuta da una delegazione della Commissione, della Bce, dell’Esm e dell’Fmi (quest’ultimo in veste indipendente), ha evidenziato, tuttavia, oltre al miglioramento delle condizioni di mercato del Paese iberico, anche alcune criticità che riguardano alcune parti del settore bancario spagnolo, le quali, come precisato dalla Commissione e dalla Bce, richiedono azioni decise.
“A buon punto”, comunque, sono sembrati i lavori sulla trasparenza e sul rafforzamento della governance degli istituti bancari.

Attraverso la missione di valutazione e revisione, che ha riguardato in generale l’attività svolta in osservanza al piano di assistenza finanziaria al settore bancario della Spagna dal 15 ottobre ad oggi, sono state imbastite con le autorità spagnole “discussioni produttive ed intense” riguardanti “l’intera gamma di politiche previste sotto il programma”. In particolare, gli esperti hanno focalizzato la loro attenzione sulla situazione macrofinanziaria della Spagna e sulle attività delle principali banche spagnole, riuscendo a raggiungere un accordo con Madrid sui punti nevralgici del progetto strutturale e del funzionamento della “bad bank” Asset Management Company, che sarà quindi operativa dal primo dicembre.

Anche Olli Rehn, il commissario Ue agli Affari Economici, ha espresso la sua soddisfazione per gli ottimi risultati emersi dalla missione di valutazione e revisione: “La valutazione positiva dell’attuazione del programma per il settore finanziario spagnolo rappresenta un altro importante passo in avanti verso l’obiettivo di ripristinare e riformare il sistema bancario della Spagna”.

Il Commissario Ue, inoltre, ha rivelato che nelle prossime settimane la Commissione ha in programma di procedere alla valutazione dei piani di ricapitalizzazione e ristrutturazione delle banche spagnole che versano in condizioni di difficoltà.
Rehn ha spiegato che l’attività che la Commissione svolgerà nei prossimi giorni sarà fondamentale per “preparare la strada ai primi esborsi”, ponendo l’accento sulla grande importanza che riveste il programma di risanamento della banche spagnole nella sfida, accettata e portata avanti con impegno dall’Unione, di ripristinare la fiducia nei confronti del Paese iberico.

”Sono fiducioso –  ha concluso il Commissario Ue agli Affari Economici- sia nell’impegno assunto del governo spagnolo a procedere con assoluta determinazione su tutti questi fronti, sia nella capacità dell’economia spagnola di sostenere la crescita necessaria per risolvere il problema dell’eccessivo tasso di disoccupazione e creare nuovi posti di lavoro”.

 

Giuseppe Ferrara
27 ottobre 2012

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook