Ue: concessi aiuti alla Grecia. Monti: Italia piu’ lontana dal baratro

Si è concluso da poche ore il vertice Ecofin che doveva decidere se concedere o meno il secondo pacchetto di aiuti internazionali alla Grecia. L’esito è stato positivo, così ai vicini ellenici andranno aiuti per 130 miliardi che uniti a ulteriori rinunce dei creditori privati per un totale di 107 miliardi, farà scendere il rapporto fra debito pubblico e Pil dall’attuale 160% a poco più del 120% nel 2020. Monti ha accolto positivamente questa decisione, affermando nel corso di una conferenza stampa a Bruxelles che questo è: “un risultato importante perchè toglie i rischi immediati di contagio.

Anche se si poteva agire più rapidamente”. Per Monti la Grecia tornerà “alla crescita nel 2014”.
Mario Monti ha affermato inoltre che per l’Italia la situazione è migliore rispetto a tre mesi fa, ed i mercati stanno dando risposte positive.
A quasi cento giorni dal suo insediamento gli  obiettivi che si era prefisso, ovvero: “Togliere l’Italia dal baratro della crisi finanziaria, ridurre a livello europeo le probabilità di contagio tra i Paesi dell’eurozona, aiutare la Grecia, principale fonte di contagio possibile in questa fase a ritrovare la via della stabilità, indurre l’Europa a impegnarsi, ferma restando la disciplina di bilancio, a ritrovare il cammino della crescita” sono quasi stati raggiunti “abbiamo fatto tutti significativi passi avanti su ciascuno di questi quattro obiettivi, uno dei quali dipendeva esclusivamente da noi e certamente siamo meno vicini al baratro di quanto lo fossimo tre mesi fa e questo credo sia percepito dai mercati e dalla comunità internazionale”.
Monti ha sottolineato il grande ruolo ricoperto fin ora dal presidente della Repubblica, affermando: “Ci sono in Italia dei fari per la consapevolezza europea. E il primo è il Capo dello Stato Giorgio Napolitano”.

Enrico Ferdinandi

21 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook