Turismo 2012: lo “spoletino” è il primo comprensorio regionale per arrivi e presenze nel primo trimestre dell’anno

In un periodo di “vacche magre” e crisi profonda in ogni comparto dell’economia nazionale, qualche buona notizia pare arrivare dal turismo, potenziale polo trainante dell’economia regionale e che invece troppo spesso viene trascurato o nemmeno preso in considerazione. Le buone notizie però si fermano a poche zone, vere e proprie eccellenze del territorio regionale e nazionale.

 

In un contesto regionale che ha fatto registrare infatti un +4,05% (arrivi) e -0,73% (presenze), il comprensorio che comprende i comuni di Spoleto, Castel Ritaldi, Campello sul Clitunno e Giano dell’Umbria ha avuto incrementi percentuali notevoli attestandosi al primo posto nel periodo gennaio-marzo di quest’anno.

Rispetto allo stesso periodo del 2011 ci sono stati aumenti pari al 30,34% per quanto riguarda gli arrivi e 18,96% per le presenze, variazioni percentuali che, in termini assoluti, hanno significato 3.802 visitatori in più ed un aumento di oltre 6.000 pernottamenti (6.017 per la precisione). Entrando nel dettaglio gli arrivi e le presenze di turisti stranieri hanno fatto registrare aumenti pari al 25,70% e 41,73% (294 arrivi e 1.570 presenze in più), mentre il movimento turistico proveniente dalle regioni italiane è stato pari a +30,81% e +15,90% (3.508 arrivi e 4.447 presenze in più).

Importanti anche gli aumenti registrati nelle strutture alberghiere ed extralberghiere. Nel primo caso le variazioni percentuali sono state in totale del 27,88% e 15,32% (ossia 2.997 arrivi e 3.442 presenze in più rispetto al primo trimestre del 2011), con leggere differenze tra i turisti italiani (+28,30% e +13,59%) e quelli stranieri (+23,77% e + 30,50%). Per quanto riguarda gli esercizi extralberghieri l’aumento degli arrivi è stato del 45,25% e del 27,82% quello delle presenze, con 805 arrivi e 2575 presenze in più. Come per il settore alberghiero, anche l’extralberghiero ha fatto registrare percentuali differenti tra i flussi turistici provenienti dall’Italia e quelli esteri: per gli italiani arrivi e presenze a +45,60% e +21,89%, mentre per gli stranieri gli aumenti percentuali sono stati del 40,77% e 59,45%.

Sembrerebbe un buon viatico in vista della bella stagione che ancora tarda ad arrivare…

Luca Bolli

22 maggio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook