La Pasqua a Montefalco nelle “Terre del Sagrantino”

Ci sarà da mettere duramente alla prova tutti e cinque i sensi a Montefalco quando, dal 7 al 9 aprile, il centro storico della cittadina umbra ospiterà la dodicesima edizione di “Terre del Sagrantino”, la tradizionale manifestazione di Pasqua, organizzata dall’amministrazione comunale, con l’intento di promuovere le tradizioni enogastronomiche del territorio e i prodotti dell’artigianato locale.

La tre giorni partirà ufficialmente sabato quando verranno aperti i 13 stand della mostra dedicata alle eccellenze agroalimentari del luogo. Sono previsti assaggi di olio, salumi, formaggi, miele, e, naturalmente, dei vini più famosi della regione, il Montefalco, il Rosso e il Sagrantino, che potranno essere degustati sia al banco d’assaggio, curato dal Consorzio tutela vini, sia direttamente nei luoghi di produzione, con tour guidati nelle cantine del territorio.  “Il Sagrantino – ha dichiarato l’assessore regionale all’agricoltura Fernanda Cecchini alla conferenza stampa di presentazione della manifestazione – è uno dei prodotti chiave della promozione turistica ed enogastronomica regionale. La sua promozione è importante, come abbiamo già visto al ‘Vinitaly’, come vedremo nelle giornate di Pasqua a Montefalco e come sta accadendo, grazie al Consorzio del Sagrantino, a New York, dove questa eccellenza è attualmente esposta”.
Ma c’è di più: il cartellone dell’evento prevede, infatti, anche celebrazioni e iniziative culturali, fra le quali, la colazione di Pasqua nella piazza del Comune, il concerto (domenica 8) dell’orchestra Zinaida Gilels nel museo di San Francesco, i caratteristici mercatini nel chiostro di Sant’Agostino e, soprattutto, la celebrazione della “Gloria del Cristo risorto” nella mezzanotte di sabato 7, con il suggestivo ingresso, accompagnato da spettacolari fuochi d’artificio, della statua lignea settecentesca del Cristo.

Marco Menchinella

2 aprile 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook