Pallavolo. Derby alla fenomenale Sir. San Giustino sempre più su!

Grandi emozioni. Spalti fantastici. Squadre all’altezza. Un derby è sempre un derby, in qualunque sport: giocarselo per una promozione nella massima serie è una cosa speciale, indimenticabile. A vincere questa volta è stata la compagine di Perugia, ma per correttezza va detto che l’onore delle armi va a Città di Castello che, una volta di più, si è dimostrata squadra capace di lottare per grandi traguardi e con tutte le carte in regola per continuare a sognare in grande. Chi di certo non smette di sognare è coach Kovac ed i suoi ragazzi che infilano il 24° risultato utile della stagione: solo Segrate e Sora, quest’anno, sono riuscite a fare bottino pieno con gli umbri primi in classifica, ma sembra passata una vita!

Perugia continua a volare con il rassicurante +5 su Castellana Grotte, nettamente vincente su Roma, ed è attesa dalla sfida di Molfetta della prossima giornata, forse ultimo vero scoglio verso la A1. Il derby dunque dice che le squadre umbre sono pimpanti e pronte a giocarsi le loro chance. In un PalaEvangelisti caldissimo Perugia vince 3-0 (25-22, 25-23, 26-24) domando l’entusiasmo degli avversari che non si danno mai per vinti. Match giocato punto su punto nel primo set con la Sir che riesce ad allungare solo nel finale grazie a due errori di Castello e al talento di Corsini. Il canovaccio nel secondo parziale non viene modificato e squadre che vanno a braccetto fin dopo il primo timeout tecnico (9-9) poi Perugia effettua l’allungo che potrebbe risultare decisivo (16-12). Ma l’equilibrio resta evidente e Castello riesce a riportarsi sotto fino al 19-20, riaprendo, di fatto, la partita. I Block Devils riescono a conquistare il doppio punto di vantaggio che permette loro di arrivare fino alla chiusura del set, grazie anche ad un altro errore di Noda. Il terzo parziale è quello che vede la Gherardi esprimersi meglio, non fosse altro per un break che le consente il sorpasso (12-14), salvo poi farsi impattare sul 17 pari. Sul finire del set Castello può servire per il match ma sbaglia come già fatto troppe volte nel corso della giornata: Perugia, dal canto suo, riesce a ribaltare la situazione infilando due muri consecutivi che valgono un successo importantissimo in chiave promozione. Da sottolineare per quanto riguarda le statistiche individuali, le prestazioni dei fantastici 4 di Perugia (Petric, Vujevic, Tamburo e Tomassetti) tutti in doppia cifra. Per Castello si mette in mostra come sempre Giombini, top scorer di giornata con i suoi 17 punti.

Per la serie A1 non si arresta l’accelerazione di San Giustino che nelle ultime giornate ha infilato una serie positiva di tutto rispetto, che potrebbe davvero significare una salvezza fino a poche settimane fa solamente fantasticata. La cura Held ha evidentemente dato i suoi frutti ed ora suonano meno ingenue le sue parole quando parlava di “una posizione non consona per le potenzialità di questa squadra”. La partita giocata al Palakemon è di quelle da imbroccare a tutti i costi. Partono bene i padroni contro una Monza Brianza che ha più poco da chiedere al campionato, se non una posizione che sia la migliore possibile per gli incombenti play-off. Partenza, via ed è subito 1-0 San Giustino con un set filato via abbastanza facilmente (25-21) e sempre guidato in sicurezza. Quando Monza si sveglia però restituisce il “favore” e fa tremare i tifosi umbri rovesciando la situazione con due set fotocopia e dal finale molto simile. Nel secondo gli ospiti vincono 21-25 mentre nel terzo, dopo aver quasi fotocopiato i parziali del precedente le squadre vanno ai vantaggi, dopo una bella e strenua difesa della Energy Resources che tuttavia non riesce ad evitare la capitolazione sul 24-26. A questo punto i padroni di casa si ricordano di dover lottare a denti stretti e mettono tutto l’impegno possibile per centrare almeno il punto del 2-2, che puntualmente arriva con dei parziali sempre a loro favore. Col punto del 25-21 si va al decisivo tiebreak dove San Giustino riesce a tenere Monza sempre ad una distanza di sicurezza che le permette di aggiudicarsi 2 punti fondamentali, soprattutto guardando alla sconfitta di Padova con Macerata. Ora il momento della verità è vicino: gli umbri affronteranno a loro volta Macerata tra una settimana, mentre Padova ospiterà Latina; poi lo scontro diretto col vantaggio per San Giustino di poterselo giocare in casa. Nell’ultima giornata, Piacenza per San Giustino e Roma per Padova, i giochi potrebbero già essere fatti…almeno speriamo.

 

 

Energy Resources San Giustino

3

25

21

24

25

15

Acqua Paradiso Monza Brianza

2

21

25

26

21

13

 

Sir Safety Perugia

3

25

25

25

 

 

Gherardi SVI Città di Castello

0

22

23

24

 

 

Luca Bolli

12 marzo 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook