Media Valle del Tevere: azioni congiunte per evitare la chiusura del tribunale di Todi

Il Sindaco di Marsciano scrive a quello di Todi

Tagli e crisi sembrano riuscire dove l’uomo non era mai stato capace di spingersi, ovvero riunire nelle speranze e negli intenti i comuni di Marsciano e Todi. Nelle speranze dei protagonisti di questa vicenda c’è la possibilità che la sede distaccata di Todi del Tribunale di Perugia possa continuare nella sua attività, snellendo e facilitando così le pratiche che, altrimenti andrebbero a gravare ancor di più sul lavoro della sede principale del capoluogo.

A questo proposito il sindaco di Marsciano, Alfio Todini, ha diramato un comunicato nel quale chiede una riunione di tutti gli interessati per provare a risolvere questo possibile disservizio che, a parere di molti addetti ai lavori, comporterebbe un notevole peggioramento delle prestazioni.
Di seguito riportiamo il suddetto comunicato:

“Caro Collega,
avendo ricevuto, da parte di un nutrito numero di avvocati di Marsciano, una sollecitazione ad un interessamento per la ventilata chiusura della sede distaccata di Todi del Tribunale di Perugia, sono a chiederti di promuovere, quanto prima, un incontro tra tutti i Comuni coinvolti al fine di coordinare le attività volte a salvaguardare questo servizio.
Ci viene, infatti, chiarito, che la prospettata chiusura della sede di Todi comporterebbe un obbligatorio ricorso al Tribunale di Perugia il quale, già oggi, soffre di carenze organizzative e funzionali che, anche al di là della volontà degli operatori e dei lavoratori, sono, e sarebbero ancora di più, causa di tempi lunghi e di costi aggiuntivi che finiscono con il penalizzare tanto i professionisti quanto i propri clienti.
Al fine, quindi, di approfondire la questione e di coordinare eventuali azioni congiunte a livello comprensoriale, ti dichiaro la disponibilità di questa amministrazione a sostenere il mantenimento di questo servizio, anche attraverso il coinvolgimento del Consiglio Comunale che potrà anche, nella prossima seduta da tenersi entro il mese di gennaio, discutere e votare una apposita mozione sulla quale richiedere un consenso quanto più ampio possibile.
Tutto ciò nell’interesse generale delle comunità della Media Valle del Tevere le quali, agendo in forma coordinata e congiunta, anche attraverso le proprie municipalità, potranno più efficacemente rappresentare le loro legittime ragioni sulla questione.”

Alfio Todini
Sindaco di Marsciano

di Luca Bolli

30 dicembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook