Lega Pro: passo indietro del Foligno, il Pisa corsaro al Blasone

di Marco Menchinella

Un passo avanti ed uno indietro per il Foligno calcio. All’undici di Magrini, infatti, non è riuscito di consolidare la vittoria, ottenuta la scorsa settimana a Vercelli, che sembrava avesse infuso un po’ di più di speranze nell’ambiente societario e fra i tifosi. Speranze presto deluse visto che, ieri, nel match giocato allo stadio Blasone contro il Pisa, non sono stati i falchi ad uscire vittoriosi dal rettangolo di gioco ma la formazione di Dino Pagliari che è riuscita a segnare due gol proprio nei minuti di recupero del primo e del secondo tempo.

Prima del calcio di avvio la terna arbitrale, tutta pugliese, guidata dal fischietto di Lorenzo Illuzzi, fa osservare un minuto di silenzio in ricordo delle vittime dell’alluvione che ha recentemente colpito la Liguria e l’alta Toscana.

Formazioni
Foligno: Zandrini, Romano, Stoppini, Papa, Cotroneo, Galuppo, Cavagna, Menchinella, Guidone, Coresi, Castellazzi. A disposizione: Petti, Mazzoni, Fedeli, Testa. Allenatore: Magrini
Pisa: Pugliesi, Audel, Benedetti, Buscaroli, Bizzotto; Scampini, Benvenga, Berardocco, Perna, Favasuli, Strizzolo. A disposizione: Sepe, Lanzolla, Tremolada, Nicastro. Allenatore: Pagliari

Primo tempo: calcio d’inizio e subito un fulmineo botta e risposta fra le due squadre, con il folignate Guidone che al secondo minuto, servito da Castellazzi, manca di poco la porta con un tiro di sinistro; al sesto, l’ala destra pisana tenta un pallonetto troppo alto sopra la traversa di Zandrini.
Al sedicesimo, fra le fila del Pisa, Ilari sostituisce l’infortunato Scampini e, nemmeno cinque minuti più tardi, si guadagna un calcio di punizione dalla tre quarti, poi respinto dalla difesa biancoazzurra. I ragazzi di Pagliari insistono e al ventunesimo è Audel che, dalla destra, prova con una conclusione dalla distanza che manca lo specchio della porta. Pisa decisamente più attivo in questa parte della gara, mentre i falchi faticano invece ad arrivare in porta. Al trentaduesimo Menchinella perde palla a centrocampo e si fa ammonire tirando per la maglia Favasuli. Per il mediano di Magrini è la quarta ammonizione cumulata, salterà la prossima partita con il Tritium.
A questo punto è il Foligno che si anima, prima con un tiro dal limite di Castellazzi e poi con un tentativo da parte di Papa che finisce innocuo fra le braccia di Pugliesi.
Al trentanovesimo e al quarantatreesimo l’arbitro rifila un cartellino giallo per parte, rispettivamente al Galuppo e all’esterno di difesa pisano Audel, ma sarà solo il primo subirne le conseguenze quando, al sedicesimo del secondo tempo, per un fallo su ripartenza, verrà espulso per doppia ammonizione.
Al termine del tempo regolamentare Illuzzi concede tre minuti di recupero che si riveleranno fatali per il Foligno. Cross da calcio d’angolo per il Pisa, Perna salta più in alto di tutti e, con un colpo di testa di precisione, insacca il pallone nell’angolo in basso alla destra di Zandrini. Uno a zero amaro al termine di una prima metà di gioco che ha visto la formazione ospite un po’ più incisiva dei falchi, più impacciati nel gioco e meno concreti.

Secondo tempo: al rientro dagli spogliatoi il Foligno ci prova subito al primo minuto con Cavagna che tenta un tiro dal limite che non impensierisce la porta avversaria. Poco dopo Papa si fa male e viene sostituito da Costantini. Al settimo, una punizione di Coresi viene respinta dalla barriera. Passano due minuti ed è Ilari, per i toscani, che mette alla prova Zandrini, ma l’estremo difensore del Foligno non si fa trovare impreparato. Al quarto d’ora di gioco il biancoazzurro Galuppo commette di nuovo un’irregolarità, l’arbitro è costretto ad estrarre una seconda volta il giallo e poi ad espellerlo per somma di ammonizioni. Per Galuppo è la terza espulsione in sette partite.
Magrini riassetta il Foligno privo dell’undicesimo giocatore e sostituisce Cavagna con Tuia (15’) e Menchinella con Cardarelli (22’). Per il Pisa entra Perez al posto di Strizzolo mentre, al ventiseiesimo, Berardocco viene ammonito per fallo su Cardarelli. I falchi provano a pareggiare i conti con un paio di calci d’angolo insidiosi. A circa metà della ripresa, Coresi mette in mezzo pericolosamente la sfera sulla quale però non si avventa nessuno dei giocatori di Magrini. Al trentaduesimo, terzo cambio per la formazione toscana: esce Audel ed entra Ton. Da segnalare un calcio di punizione per il Pisa, quasi allo scadere, che termina oltre l’incrocio dei pali.
Il Foligno in dieci del secondo tempo amministra poco e convince ancora meno. Nel corso dei sei minuti supplementari, la formazione allenata da Magrini si fa sorprendere da un contropiede avversario. Perez entra velocemente in area e cade a terra ostacolato da Tuia che viene ammonito. Illuzzi decreta rigore. Dal dischetto si presenta nuovamente Perna che non sbaglia e chiude i giochi siglando una doppietta personale.

7 novembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook