Fabrizio Ferri: l’Umbria ai piedi!

di Luca Bolli

Alla Team Sistem ancora una tappa e la “verde”

Il pugliese Euprepio Calò del Team Sistem vince lo sprint sul traguardo di Ponte Felcino, dove si è svolta l’ultima tappa del Tour dell’Umbria Udace-Csain, grande evento ciclistico amatoriale organizzato dai Comitati di Perugia e Terni in collaborazione con Team Off Road, Livingstone, Franchi Valcelli, Quelli che lo Sport, Veloce Club Tiberino, Circolo Aics La Bruna e Cicli Saccarelli.

La maglia rosa resta sulle spalle del grossetano Fabrizio Ferri del team umbro “Hotel Ristorante Peppe e Rosella Ggmp”, che vince anche quella della classifica combinata: «E’ stato davvero un Tour tirato e incerto fino alla fine, tant’è che ho vinto con un solo punto di vantaggio. Oggi (ieri, ndr) è stata una corsa di nervi. Dedico questa vittoria agli sponsor che mi hanno sostenuto, dato che dopo la caduta di venerdì volevo ritirarmi dal giro». Dietro di lui nella generale Gianluca Vizzari del Team Randazzo e Tommaso Elettrico del Team Sistem.

La maglia verde del Gpm resta al lucano Vito Buono del Team Sistem, unica affermazione mai in discussione di questo Giro: «Sono contento di riportare a casa la maglia verde, anche se c’è un pizzico di amarezza per Elettrico, per il quale oggi (ieri, ndr) ho dato tutto me stesso, ma alla fine la rosa è andata a Ferri».

Così Elettrico, che ha perso la maglia rosa nella tappa di Marsciano: «E’ stato un gran bel Tour, ben organizzato. Sono contento di avervi preso parte. Alla fine il bilancio è positivo, dato che la mia squadra ha vinto tre delle sei tappe e la maglia verde del Gpm con Buono». Da segnalare il cadetto Alessandro Diomedi del Gc Tuderte, giunto quarto nella generale, che era il più giovane umbro iscritto ed è il primo degli umbri in classifica. Il più giovane partecipante in assoluto è invece stato il cadetto calabrese Gianluca Vizzari del Team Randazzo, che è giunto secondo nella generale.

L’ultima tappa parte da Ponte Felcino, nell’immediata periferia di Perugia e prevede un circuito di 25 km da ripetere tre volte passando per le frazioni di Bosco, Colombella, bivio Piccione, Ripa, Civitella d’Arna. Al terzo passaggio si svolta per la zona industriale di Ponte Felcino dove, in un lungo viale rettilineo, è posto il traguardo finale di questo giro dell’Umbria 2011. Si parte con questa situazione: Ferri ed Elettrico divisi da un punto nella generale; Buono praticamente “verde” a meno di sconvolgimenti inattesi. Facile, a questo punto, scommettere che la tattica dei duellanti per la “rosa” possa essere quella di marcarsi strettamente per poi tentare il tutto per tutto in volata. A tentare di scombinare le carte, però, ci pensa un attacco di Gianluca Vizzari (Team Randazzo), Enrico Bianchi (Avis Gualdo Tadino) e Alessandro Diomedi (Gc Tuderte): questi tre si avvantaggiano sul gruppo che, però, recupera in pochi metri. Se Vizzari dovesse scappare, Elettrico e Ferri avrebbero di che preoccuparsi, vista l’ottima posizione in classifica del giovanissimo calabrese e, proprio per questo, il numero 2 del Team Randazzo si rende protagonista di un secondo attacco dopo 10 km, guadagnando circa 15”: con lui fuoriescono dal plotone Euprepio Calò (Team Sistem), Roberto Casagrande (Team Saccarelli Alpin) e Gregory Bianchi (Team Fausto Coppi Fermignano). A rimpinguare le forze là davanti ci pensa Roberto Vidoni (Federclub Trieste Scat), detentore della maglia gialla dei senior, che si riporta sui fuggitivi quando il gruppo sembra oramai riprenderli, tirato dalle maglie principali nelle prime posizioni. Il drappello di testa, però, non demorde e incrementa il vantaggio a 20” quando siamo in località Ripa, dove, al secondo e terzo passaggio è posto il traguardo per il Gpm di seconda categoria.. Al 18° km il margine è di 25”. Tra i fuggitivi e il gruppo si crea un tira e molla che, tuttavia, vede favorirsi i primi che sembrano davvero scappare già al km 25.

 

La tattica delle due squadre in lotta per la vittoria al Giro inizia a palesarsi e a dare i suoi effetti sulla corsa, tant’è che in corrispondenza col primo Gpm, che vede imporsi Vizzari su Bianchi e Casagrande, il gruppo rallenta sensibilmente: il vantaggio arriva a 2’ e 5” al km 44 e quello per la vittoria sembra oramia essere un discorso tra i fuggitivi.

La corsa si stabilizza su questi valori e procede via liscia fino al secondo Gpm di giornata: transitano in ordine il Bianchi, Calò e Casagrande. Il gruppo ormai ha un ritardo di 3’ e 9”.

Poi la volata senza storia vinta da un velocissimo Euprepio Calò, il quale ha giusto il tempo di esultare per poi spostare l’attenzione alla volata decisiva del Giro. Nulla da fare per il compagno della Team Sistem. A trionfare è l’atleta della società umbra “Hotel Ristorante Peppe e Rosella” che riesce a tenere dietro un Elettrico a dir poco deluso. Strascico polemico prima del meritato ristoro: il Team Sistem si lamenta per un’eventuale scorrettezza da parte di Ferri che avrebbe ostacolato l’avversario nella volata. Quando tutto rientra, si può ufficializzare il podio.

Alla fine la squadra meglio organizzata, quella del Team Sistem, deve arrendersi alla costanza di un Ferri “ragioniere” e mai domo: tre vittorie di tappa, con tre uomini differenti, non valgono i piazzamenti fissi dell’ottimo toscano.

 

Classifica assoluta di tappa: 1) Euprepio Calò (Team Sistem) che copre 69 km in 1h35’ alla media di 43,58 km/h, 2) Gianluca Vizzari (Team Randazzo), 3) Roberto Casagrande (Team Saccarelli Alpin), 4) Gregory Bianchi (Team Fausto Coppi Fermignano), 5) Roberto Vidoni (Federclub Trieste Scat), 6) Alberto Tanghetti (Team Piton), 7) Matteo Bucci (Team Saccarelli Alpin), 8) Silvio Giovane (Velo Club Santa Maria degli Angeli Racing), 9) Federico Bianchi (Team Bike Ponte), 10) Stefano Cupello (Hotel Ristorante Peppe e Rosella Ggmp).

 

Classifiche di categoria di tappa

Cadetti: 1) Euprepio Calò (Team Sistem), 2) Gianluca Vizzari (Team Randazzo), 3) Roberto Casagrande (Team Saccarelli Alpin), 4) Federico Bianchi (Team Bike Ponte), 5) Alessandro Diomedi (Gc Tuderte).

Junior: 1) Gregory Bianchi (Team Fausto Coppi Fermignano), 2) Matteo Bucci (Team Saccarelli Alpin), 3) Fabio Di Gioia (Bicimania La Base Terni), 4) Ivan Corsi (Cicloamatori Segni), 5) Ivan Meucci (Hotel Ristorante Peppe e Rosella Ggmp).

Senior: 1) Roberto Vidoni (Federclub Trieste Scat), 2) Alberto Tanghetti (Team Piton), 3) Silvio Giovane (Velo Club Santa Maria degli Angeli Racing), 4) Fabrizio Ferri (Hotel Ristorante Peppe e Rosella Ggmp), 5) Mirco Conti (Mtb  Club Spoleto).

Veterani: 1) Massimo Quaranta (Federclub Trieste Scat), 2) Ettore Pierini (Pmg Bike), 3) Andrea Bellucci (Velo Club Gubbio), 4) Massimiliano Arca (Fornolese Bike), 5) Peter De Cupis (Bicimania La Base Terni).

Gentlemen: 1) Stefano Cupello (Hotel Ristorante Peppe e Rosella Ggmp), 2) Mauro Bucci (Mister Bici Fabriano), 3) Marco Bondani (Franchi Valcelli), 4) Maurizio Pierotti (Velo Club Gubbio), 5) Marco Conocchia (Team Battistelli Mobili).

Supergentlemen A: 1) Giuliano Lipparini (Max Team), 2) Silvano Perniola (Team Saccarelli Alpin), 3) Angelo Curi (Bicimania La Base Terni), 4) Valter Santeroni (Hotel Ristorante Peppe e Rosella Ggmp), 5) Luciano Salciarini (Team Saccarelli Alpin).

Supergentlemen B: 1) Franco Restani (Max Team), 2) Silvano Naldoni (Team Naldoni), 3) Mario Bernacchia (Terrecotte Fattorini), 4) Dario Novelli (Team Battistelli Mobili).

 

Classifica generale finale: 1) Fabrizio Ferri (Hotel Ristorante Peppe e Rosella Ggmp), 2) Gianluca Vizzari (Team Randazzo), 3) Tommaso Elettrico (Team Sistem), 4) Alessandro Diomedi (Gc Tuderte), 5) Peter De Cupis (Bicimania La Base Terni).

 

Le maglie

Maglia rosa (Provincia di Perugia e Grifo Latte): Fabrizio Ferri (Hotel Ristorante Peppe e Rosella Ggmp)

Maglia verde (Corriere dell’Umbria): Vito Buono (Team Sistem)

Maglia classifica combinata (Cancellotti): Fabrizio Ferri (Hotel Ristorante Peppe e Rosella Ggmp)

Maglia Cadetti (Ristorante Simposio – Ponte Felcino): Tommaso Elettrico (Team Sistem)

Maglia Junior (Distilleria di Lorenzo – Ponte Valleceppi): Gregory Bianchi (Team Fausto Coppi Fermignano)

Maglia Senior (Agritiber Uno – Ponte Felcino): Roberto Vidoni (Federclub Trieste Scat)

Maglia Veterani (Conad Sangiorgi – Ponte Valleceppi): Peter De Cupis (Bicimania La Base Terni)

Maglia Gentlemen (Gioielleria Sguilla – Ponte Valleceppi): Marco Bondani (Franchi Valcelli)

Maglia Supergentlemen A (Vini Goretti – Pila): Angelo Curi (Bicimania La Base Terni)

Maglia Supergentlemen B (Simonelli Umbra Pompe): Franco Restani (Max Team)

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook