Provincia di Siena: l’impegno per l’abbattimento delle emissioni da Co2

di Iacopo Bernardini

Dopo Siena Carbon Free 2015, continuano le iniziative della Provincia di Siena per l’abbattimento  delle emissioni da Co2. Inaugurati nei giorni scorsi i lavori per la costruzioni di impianti alimentanti da fonti rinnovabili, circa 530 mq di superficie, in tre scuole secondarie di secondo grado:  l’Istituto tecnico commerciale “F.Redi” di Montepulciano, l’istituto “Tito Sarrocchi” di Siena e l’Istituto Roncalli-Sarrocchi di Poggibonsi. Le strutture andranno a coprire rispettivamente il 40, l’8 e il 13% del fabbisogno energetico totale, portando a una riduzione di oltre 34.500 kg di anidride carbonica,  equivalenti a 18 tonnellate di petrolio non utilizzate.

Toccasana ecologico che giova anche ai conti pubblici. Grazie a una riduzione delle spese legate al consumo, nel lungo periodo la soluzione approntata promette di portare all’ammortizzamento dei circa 220mila euro sostenuti come costi d’intervento. E non siamo che all’inizio. “L’iniziativa promossa nelle tre scuole – spiega Gabriele Berni, assessore provinciale all’ambiente – è una delle prime azioni concrete che l’amministrazione provinciale sta mettendo in campo dopo il percorso di diagnosi energetica che ha interessato gli edifici di nostra proprietà, al fine di valutare i possibili interventi di efficientamento energetico per abbattere le emissioni di Co2. Inoltre, stiamo portando avanti, in collaborazione con Apea, la progettazione per installare pannelli fotovoltaici su una porzione della copertura dell’Istituto ‘San Giovanni Bosco’ di Colle di Val d’Elsa”.
Obiettivo cardine del progetto, incrementare il grado di efficienza energetica su tutto il territorio senese coinvolgendo attivamente anche i Comuni. Ma resta essenziale, per avere successo, il contributo di tutti. “Le istituzioni – conculde Berni – stanno facendo la loro parte per raggiungere entro il 2015 l’azzeramento delle emissioni di Co2 in provincia di Siena ma serve l’impegno collettivo di tutti, anche con piccole azioni quotidiane, per garantire uno sviluppo sostenibile del territorio e rispettoso dell’ambiente”.

29 novembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook