Ospedale SS. Giacomo e Cristoforo, presentazione progetto di recupero e valorizzazione

Ospedale SS. Giacomo e Cristoforo, presentazione progetto di recupero e valorizzazione

All’incontro con i fautori del progetto sarà presente il Comitato Salute Pubblica Massa, intenzionato a far luce sul destino della struttura ospedaliera che verrà presto sostituita dal Noa.

imagesMASSA – Questo pomeriggio nella sala consiliare del Comune si svolgerà la presentazione del progetto di recupero e di valorizzazione dell’area e degli immobili dell’ospedale Santi Giacomo e Cristoforo e delle strutture complementari presenti nel territorio di Massa. L’evento è aperto a tutti coloro che vorranno prendervi parte e, precisa il Comune in una nota, “sarà l’occasione per raccogliere suggerimenti e contributi da parte della cittadinanza”.

L’incontro, che inizierà alle 15.30, rientra nel procedimento diretto alla formazione della Variante al Piano Regolatore Generale. Ad inaugurare la seduta ci sarà il Sindaco Alessandro Volpi, cui seguirà l’intervento introduttivo dell’architetto Venicio Ticciati, dirigente del settore Pianificazione del Territorio. In seguito l’architetto Giovanni Parlanti, membro del gruppo di progettazione, illustrerà più nel dettaglio il piano oggetto di dibattito.

Diversi cittadini, riuniti sotto il ‘Comitato Salute Pubblica Massa’ parteciperanno all’incontro e nelle scorse ore hanno diffuso un comunicato con cui invitano tutti gli abitanti a prendervi parte per la rilevanza della questione. Secondo quanto riferito dal Comitato, che ravvisa una serie di criticità in seno al progetto e teme speculazioni a danno della collettività, il “Nuovo Ospedale di Viale Mattei, oltre ad essere stato costruito sopra una palude, non solo ridurrà ulteriormente la qualità del servizio sanitario nei nostri territori, ma garantirà attraverso la logica del project financing enormi profitti agli investitori privati ed ogni eventuale perdita al sistema sanitario pubblico in perfetta continuità con le politiche di smantellamento e di privatizzazione della sanità pubblica che governi centrali e amministrazioni locali hanno perseguito negli ultimi anni”.

“Mentre quindi i lavori al Noa stanno per essere terminati – prosegue la nota del Comitato – sappiamo  che a Carrara il monoblocco e le palazzine di Monterosso continueranno ad avere destinazione sanitaria, ma a Massa invece si ipotizza la demolizione dell’ospedale e la costruzione di villette una volta ancora da parte di privati. Forse – si domandano retoricamente – a Massa l’assistenza sanitaria è in eccesso tanto da dover demolire una struttura adibita per anni ad ospedale? Non crediamo proprio!”.

“Perché – incalzano – considerando che i posti letto di Viale Mattei saranno insufficienti per la popolazione, quelle aree non saranno destinate al miglioramento dell’assistenza ospedaliera, territoriale e ambulatoriale?”. I membri del Comitato vogliono “vederci chiaro” e invitano “la popolazione a pretendere di vederci chiaro!”

“Non possiamo – conclude la nota – e non dobbiamo più astenerci dal pretendere il diritto alla salute e alla sanità pubblica che ci hanno sottratto! Mobilitiamoci per creare un’alternativa a soprusi e giochi di affari! LA SALUTE E’ UN DIRITTO, NON UNA MERCE!”.

Davide Lazzini
14 aprile 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook