Tiziana Leopizzi
Tiziana Leopizzi

Biografia

Arte come sistema di vita Ho semplicemente travasato la mia esperienza professionale dal campo dell'architettura al campo dell'arte contemporanea. Mi sono specializzata nel fornire progetti d'arte "chiavi in mano". Ho creato e creo strumenti di comunicazione che si conformano in network grazie a precisi parametri comuni alle Aziende coinvolgendo le Istituzioni. Architetto e giornalista, sono stata nominata Accademico ad Honorem dell’Accademia delle Arti del Disegno, la più antica d’Europa, voluta da Giorgio Vasari a Firenze nel 1563, per l’impegno profuso nella divulgazione della Storia dell’Arte e del Design come strumento per migliorare la qualità della vita. Il mio obiettivo primario è quello di sensibilizzare le Autorità a far introdurre la storia dell’arte in tutte le scuole di ogni ordine e grado, per rendere tutti più consapevoli dei suoi valori e del suo immenso potenziale, anche per la crescita economica del Paese. Dopo decenni di professione nella progettazione sono diventata Consigliere Delegato di Ellequadro Documenti Archivio Internazionale di Arte Contemporanea di Genova che raccoglie ad oggi informazioni su oltre 165.000 nominativi di artisti e designer a partire dal 1 gennaio del’900. Grazie a queste informazioni ho creato dei progetti che coinvolgono tra arte e impresa, valorizzando il ruolo della Committenza con i progetti ARTOUR-O il MUST e MISA - Museo Internazionale in progress di Scultura per le Aziende che hanno toccato numerose città in Italia e all’estero come Genova, Firenze, Roma, Londra, Shanghai e Yiwu, Montecarlo, Merida in Spagna e Praga. Tali progetti, veri e propri strumenti di comunicazione culturale si basano sulla volontà di costruire un network trasversale che coinvolga Aziende, Fondazioni, Istituzioni pubbliche, Musei e Università, in modo che riprendano ad usare usino il lessico dell’arte, che ha reso unico al mondo il nostro Paese, e aiutare al contempo gli artisti, nostro patrimonio insostituibile. Collaboro con diverse testate come Repubblica e Alpi Fashion Magazine, inoltre seguo il Parco di scultura in progress dell’Alberese, a Campiglia M.ma Li.

Articoli

L’Accademia di Michelangelo si veste con ” I colori del Bosone di Higgs”

Colori accesi forme prepotenti microgalassie spirali video, un rutilante arcobaleno fatto di materiali i più disparati e inimmaginabili è quello che ci accoglie in un luogo deputato all’arte da secoli, l’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze. Qui il 10 gennaio la presidente Cristina Acidini insieme al Magnifico Rettore dell’Università di Firenze Luigi Dei hanno inaugurato la mostra  “I colori del…
Commenti

Marco Caprai, Montefalco-Mongolia A/R

Curioso, attento, paziente, acuto, vigile, pragmatico, disponibile ma energico Marco Caprai si muove sorridente all’interno del “salotto” dell’azienda agricola, insieme alla sorella Arianna con cui è l’intesa è profonda. Il viale d’accesso dritto come un fuso, conduce in cima alla collina dove si trova la “cantina” e l’Oval. Mi piace identificare cosi questo spazio rigoroso ed elegante, dove ogni dettaglio…
Commenti

Il Cinquecento a Firenze Tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna

Palazzo Strozzi. Affascinante quanto triste la storia di Palazzo Strozzi. Il Vasari ci dice che lo volle Filippo il Vecchio. Il progetto vide il coinvolgimento di  Benedetto da Maiano e Giuliano da Sangallo, ma non si sa con esattezza chi fu l’artefice. Il cantiere conobbe alti e bassi, e i lavori si arenarono poi per anni per la perdita di…
Commenti

Sandro Migliarini, un architetto tra Londra e Genova

Genova com’era Genova com’era prima del 1870 Com’era prima delle devastazioni dei due  quartieri di  Ponticello e di Morcento ai primi del Novecento Genova com’era fino al 1914 e come nel  1939 Genova com’era da bambino, Genova, Genova… Un’impressionante mole di disegni a china ha visto finalmente la luce dopo undici anni dal concepimento del progetto. Sandro Migliarini, architetto sbarcato…
Commenti

GIORGIO METTA | Tra scienza e arte

Gli occhi neri come il carbone brillano accompagnando il sorriso sentito che nasce da una sorta di divertimento interiore. Disponibile, attento, sensibile, scattante, acuto, veloce,  tenace, e curioso, gli occhi che ridono,  Giorgio Metta  nato a Cagliari è attualmente Vice direttore scientifico dell’IIT di Genova,  la città dove ha compiuto gli studi e di cui deve essersi allora innamorato. Cagliari, Genova,…
Commenti
Pagina 1 di 1712345...10...Ultima »