Cuisine Collectif presenta il primo Slunch Segreto a Firenze

Cuisine Collectif presenta il primo Slunch Segreto a Firenze

slunch cuisine collectifFIRENZE – Ecco una nuova moda firmata e lanciata da ‘Cuisine Collectif’ per tutti gli amanti del cibo e dei momenti conviviali: nelle domeniche del 21 e 28 dicembre si svolgerà il primo Slunch Segreto (contrazione di supper ‘cena’ e lunch ‘pranzo’); tra le peculiarità dell’evento c’è la scelta della location – a sorpresa tra Firenze e dintorni – che sarà comunicata solo all’ultimo dagli organizzatori. Altro particolare riguarda il cibo: si comincerà infatti servendo pietanze dolci e si arriverà poi al salato, il tutto per un evento inedito pensato per le forchette più curiose.

Lo slunch, più raramente chiamato anche drunch (contrazione di dinner e lunch) è una via di mezzo tra un aperitivo sostanzioso e una cena leggera, pensata per la domenica pomeriggio, per trascorrere del tempo con gli amici evitando però di fare le ore piccole, così da ricominciare la settimana con brio.

La particolarità dello slunch consiste nell’orario: l’evento infatti comincerà alle 17.30 ma non si protrarrà oltre le 22, inoltre verranno invertiti i classici dettami della tavola, in particolare l’ordine di servizio delle portate: si partirà infatti con i dolci, del resto è più o meno l’ora del tè, per poi passare a portate salate.

La parola d’ordine che inquadra levento è libertà: abbigliamento casual e nessun obbligo di rimanere bloccati al tavolo; ogni partecipante può degustare ciò che preferisce e quando gli va. Per agevolare il tutto, il finger food farà da padrone, ma si potranno trovare anche insalatone, verdure e qualche assaggio di primi. Stesse regole per le bevande: si può passare dal vino agli smoothies fino al caffè e perfino al tè caldo, soprattutto in apertura in abbinamento ai dolci.

Tutti gli eventi sono su prenotazione. Per partecipare basta inviare una mail a [email protected] Informazioni: 329.7660724

facebook.com/CuisineCollectif – cuisinecollectif.tumblr.com

Davide Lazzini
17 dicembre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook